3.088 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
29 Luglio 2022
17:37

Guerra Ucraina, missili sul carcere di Olenivka: oltre 50 morti, scambio di accuse Mosca-Kiev

Russi e ucraini si accusano a vicenda di avere compiuto il bombardamento sul centro di detenzione di Olenivka, nella repubblica filorussa di Donetsk, dove sono detenuti soldati ucraini fatti prigionieri.
A cura di Susanna Picone
3.088 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Olenivka è una classica, cinica ed elaborata operazione sotto una falsa bandiera". È intervenuto anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sul raid nella prigione di Olenivka, nella Repubblica filorussa di Donetsk, che ha portato a uno scambio di accuse tra Mosca e Kiev. Zelensky parla di “raid pianificato”, che “è stato effettuato dalle forze russe per incolpare l'Ucraina". "Sappiamo che le truppe di Mosca hanno trasferito parte dei difensori ucraini in questo posto pochi giorni prima che venissero effettuati i raid russi”, dice il leader ucraino. E ancora: "Lo scopo è screditare l'Ucraina di fronte ai nostri partner e interrompere la fornitura di armi. È un omicidio di massa deliberato che richiede un'indagine rigorosa. Chiediamo una reazione da parte dell'Onu e delle organizzazioni internazionali".

Secondo quanto riporta la Cnn, l’ufficio del procuratore generale ucraino ha avviato un'indagine sul raid nella prigione, in violazione delle leggi e dei costumi di guerra delineati nel codice penale dell’Ucraina. Secondo le informazioni preliminari raccolti dall'ufficio del pubblico ministero "lo stato occupante ha colpito il territorio della colonia penale n. 120 nel villaggio temporaneamente occupato di Olenivka nel distretto di Volnovakha nella regione di Donetsk". Si legge anche che "in questa colonia gli occupanti vi hanno creato un luogo di detenzione, dove sono detenuti illegalmente civili e prigionieri di guerra delle forze armate ucraine”.

E anche la Russia ha aperto una indagine sul carcere bombardato. Il Comitato Investigativo della Russia "ha aperto un caso penale per un reato ai sensi dell'articolo 356 del codice penale della Federazione Russa in relazione all'attacco dei nazionalisti ucraini al centro di detenzione preventiva nel villaggio di Olenivka nella Repubblica del Donetsk”, così le forze militari dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk, riporta il Guardian. "Gli investigatori stanno attualmente indagando sulla scena. Il Comitato investigativo russo prenderà provvedimenti per stabilire tutte le circostanze dell'incidente e i nazionalisti ucraini coinvolti in questo crimine”, proseguono i filorussi.

Secondo la Russia, le forze armate ucraine hanno intenzionalmente effettuato un bombardamento per eliminare i militanti del battaglione Azov che avevano iniziato a testimoniare. "La Russia ha commesso un altro crimine di guerra agghiacciante bombardando una struttura correttiva nell'Olenivka occupata dove deteneva prigionieri di guerra ucraini. Invito tutti i partner a condannare fermamente questa brutale violazione del diritto umanitario internazionale e a riconoscere la Russia come uno stato terrorista”, le parole invece del ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba.

Sarebbero oltre cinquanta le vittime del bombardamento. L’ultimo bilancio dei filorussi parla di 53 vittime e 75 feriti. Secondo l'ufficio del procuratore ucraino, citato dal Guardian, i feriti sono invece 130.

3.088 CONDIVISIONI
2841 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni