Un incendio è scoppiato nella più grande fabbrica di Nutella al mondo che si trova a Villers-Ecalle, a nord-ovest di Rouen, in Francia. Fortunatamente, l'incendio non ha provocato vittime. Secondo la ricostruzione dei media locali, le fiamme si sono sprigionate intorno alle cinque del mattino di martedì 20 ottobre vicino a una torrefazione per motivi ancora da accertare. Pochi minuti più tardi sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno impiegato circa un'ora e mezza per spegnere il rogo. Almeno una ventina i pompieri che, secondo le ricostruzioni dei quotidiani francesi, sono intervenuti sul luogo dell'incendio.

Dipendenti evacuati, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito – Un centinaio di dipendenti della fabbrica di Nutella sono stati evacuati – ma fortunatamente non si registrano vittime né feriti – e una parte della produzione subirà conseguenze per l'incidente, ma non ci saranno ricadute sull'occupazione. Questa fabbrica della Ferrero produce 600.000 barattoli della più celebre delle creme alle nocciole ogni anno, ovvero un quarto della produzione mondiale. All'interno della fabbrica di Villers-Ecalle lavorano quattrocento persone con contratto a tempo indeterminato.

La Nutella piace sempre più in Francia – La crema di nocciole più famosa del mondo prodotta dalla Ferrero piace sempre di più in Francia. Le vendite di Nutella, infatti, sono lievitate durante il confinamento per la pandemia tanto che il gruppo si è detto pronto a investire nel Paese. "Quest’anno abbiamo battuto ogni record di produzione, superando negli ultimi dodici mesi il milione di quintali", ha dichiarato di recente Jean-Baptiste Santoul, amministratore delegato di Ferrero France, al quotidiano economico Les Echos. Negli stabilimenti di Ferrero nel Paese transalpino, che riforniscono prevalentemente il mercato locale, negli ultimi tempi si è dovuto lavorare molto di più per soddisfare la domanda.