8 Febbraio 2021
20:03

Ex guardia del campo nazista di Sachsenhausen messo sotto accusa a 100 anni

Secondo la procura tedesca, nonostante l’età, l’uomo è ritenuto idoneo a sostenere il processo contro di lui ma toccherà ora ai giudici al tribunale distrettuale valutare se dare l’ok al processo. Per i pm l’anziano avrebbe assistito “volontariamente e consapevolmente” all’uccisione dei detenuti avvenuti nel campo di concentramento nazista durante il suo incarico tra il 1943 e il 1945.
A cura di Antonio Palma

Ha 100 anni ma rischia ora un processo per complicità in 3.518 omicidi avvenuti mentre era una guardia nel campo di concentramento di Sachsenhausen durante la seconda guerra mondiale. Accade in Germania dove i pubblici ministeri tedeschi hanno identificato nel pensionato, che oggi vive ancora nello stato nord-orientale del Brandeburgo, l'ex guardiano di uno dei più grandi  campo di concentramento sorti sul territorio della Germania nazista dove furono trucidati non meno di centomila persone. Secondo la procura di Nueruppin, nel land del Brandeburgo, l'anziano avrebbe assistito "volontariamente e consapevolmente" all'uccisione dei detenuti avvenuti nel campo di concentramento nazista durante il suo incarico tra il 1943 e il 1945, prima che il lager fosse liberato dai reparti avanzati delle truppe sovietiche

Secondo la procura tedesca, nonostante l'età, l'uomo è ritenuto idoneo a sostenere il processo contro di lui ma toccherà ora ai giudici al tribunale distrettuale valutare se ammettere le accuse contro il centenario e l'eventuale procedimento giudiziario in Aula. Secondo i documenti dell'accusa riportati da alcuni giornali tedeschi, il centenario è stato un membro del battaglione che era di guardia al campo di concentramento di Sachsenhausen fino al febbraio del 1945.

Il campo di concentramento di Sachsenhausen, frazione della città tedesca di Oranienburg, nel Land del Brandeburgo,  fu gestito in gran parte dalle SS e grazie alla sua vicinanza a Berlino fu utilizzato come campo modello per le atrocità che avvennero in numero ancora maggiore altrove. Pur essendo classificato come campo di concentramento e non di sterminio, molti degli internati vi trovarono la morte ad esempio con atroci esperimenti sui gas visto che qui vennero effettuati i primi test per le uccisioni di massa dei prigionieri poi messe in atto nelle camere a gas di Auschwitz.

Negli ultimi anni, i pubblici ministeri tedeschi hanno intentato accuse contro diversi anziani ex sorveglianti dei campi di concentramento, cogliendo l'ultima opportunità per garantire giustizia ai milioni di morti nei numerosi campi della Germania nazista, inclusi ebrei, zingari, gay e prigionieri politici. Il solo servizio di guardia in un campo di prigionia nazista però non è sufficiente per essere incriminato in Germania, solo nel caso dei campi di sterminio, il cui scopo era l'uccisione sistematica di tutti i prigionieri, l'appartenenza alla squadre di sicurezza  è considerata come complicità in omicidio favorevole e favorevole.

A processo ex guardia nazista di 100 anni: è accusato di complicità in 3.518 omicidi
A processo ex guardia nazista di 100 anni: è accusato di complicità in 3.518 omicidi
Parigi, scarcerato sotto controllo giudiziario l'ex brigadista Maurizio Di Marzio
Parigi, scarcerato sotto controllo giudiziario l'ex brigadista Maurizio Di Marzio
A 100 anni annota su un taccuino tutti i gol di Messi: riceve dal campione una sorpresa commovente
A 100 anni annota su un taccuino tutti i gol di Messi: riceve dal campione una sorpresa commovente
18 di Cose Vere
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni