145 CONDIVISIONI
20 Novembre 2022
18:19

“Ero sicuro di morire”, il barista racconta l’orrore vissuto durante la sparatoria in Colorado

In Colorado cinque persone sono state uccise in una sparatoria in una discoteca gay, il Club Q a Colorado Springs. Il terribile racconto del 25enne Michael Anderson, che nel locale lavora come barista.
A cura di Biagio Chiariello
145 CONDIVISIONI

"Ero convinto di morire". Michael Anderson, 25 anni, lavora come barista al nightclub in Colorado, dove la scorsa notte cinque persone sono state uccise da un uomo armato. Diciotto persone sono rimaste ferite. Il sospetto autore della strage al Club Q – uno dei pochi locali LGBTQ a Colorado Springs – si chiama Anderson Lee Aldrich e ha 22 anni.

La sparatoria si è consumata durante il Transgender Day of Remembrance, la ricorrenza della comunità LGBT per commemorare le vittime dell'odio e del pregiudizio verso le persone transgender.

Michael Anderson in esclusiva al The Mirror ha descritto i momenti di terrore che ha provato quando il sospetto ha iniziato a sparare. "Stavo lavorando poi improvvisamente ho sentito un forte rumore di spari. Ho alzato lo sguardo e poi quei rumori hanno iniziato a diventare più forti e ripetuti".

Il barista Michael Anderson
Il barista Michael Anderson

"Ho visto una persona con una pistola, e mi sono subito nascosto dietro il bancone e ho iniziato a vedere del vetro che mi volava intorno". In preda al panico, Michael è scappato nel patio, dove ha trovato un posto dove nascondersi e si è accovacciato con altri due clienti.

Avevo paura di morire. Ero preparato … quando i colpi si sono fermati. Dopo un minuto o due, non ero sicuro se fosse finita o meno, ma mi sono alzato e ho deciso di scappare."

Ma mentre si alzava per cercare di allontanarsi, Michael si è accorto che sotto di lui, disteso sulla pista da ballo, giaceva un uomo con una ferita al collo potenzialmente fatale. E ha continuato: "Dopo ho visto che due persone avevano apparentemente bloccato qualcuno a terra e lo stavano prendendo a calci e urlando contro di loro".

Sono corso dietro il bancone, ho preso le mie cose e sono corso alla mia macchina. A questo punto i poliziotti sono arrivati ​​in massa.

Michael sostiene di aver "perso degli amici" nella sparatoria, ha detto a The Mirror, e ora sta pregando per i 18 portati d'urgenza in ospedale dopo l'attacco. Ha aggiunto: "La nostra comunità è forte e rimane unita. Chiediamo le vostre preghiere e il vostro sostegno".

145 CONDIVISIONI
Durante funerale in chiesa spuntano ballerine e musica: “Voleva lasciare il mondo come ha vissuto
Durante funerale in chiesa spuntano ballerine e musica: “Voleva lasciare il mondo come ha vissuto"
Londra, sparatoria vicino a una chiesa durante un funerale: ferite 3 donne e una bambina
Londra, sparatoria vicino a una chiesa durante un funerale: ferite 3 donne e una bambina
La sparatoria durante la festa del Capodanno cinese: cos’è successo e chi sono le 10 vittime
La sparatoria durante la festa del Capodanno cinese: cos’è successo e chi sono le 10 vittime
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni