Brutti segnali per Donald Trump. Mentre è stata avviata nei suoi confronti la procedura di impeachment infatti il partito Repubblicano ha subito una sonora sconfitta in Virginia: per la prima volta da 26 anni a questa parte infatti i Democratici hanno conquistato il controllo sia della Camera che del Senato. All'Election Day per il rinnovo del parlamento dello stato dopo lo spoglio di tutti i 140 seggi, i democratici ne hanno ottenuti 21 al Senato, contro i 18 dei repubblicani, e 53 alla Camera, contro i 42 degli sfidanti. "Sono qui per dichiarare ufficialmente oggi che la Virginia è ufficialmente blu", ha dichiarato il democratico Ralph Northam a una folla di sostenitori a Richmond.

Più complessa la situazione in Kentucky: il candidato dei democratici, il funzionario statale Andy Beshear, ha rivendicato la vittoria alle elezioni legislative ma il governatore repubblicano Matt Bevin ha chiarito che non gliela concederà. Di fatto, il margine tra i due risulta risicato, con il 49,2 per cento per Beshear contro il 48,9 per cento di Bevin al termine dello scrutinio. In un discorso ai suoi elettori, Beshear ha dichiarato che la sua vittoria ha inviato un messaggio: "I nostri valori e il modo in cui ci comportiamo è ancora più importante del nostro partito. Che ciò che ci unisce come abitanti del Kentucky è ancora più forte di qualsiasi divisione nazionale". Beshear è stato eletto attorney general del Kentucky nel 2015 ed è il figlio di Steve Beshear, il predecessore di Bevin.

I repubblicani si sono confermati alla guida del Mississipi, dove il tenente Tate Reeves ha avuto la meglio sul candidato democratico, l'attorney general Jim Hood. Con il 52,2 per cento dei voti contro il 46,6 per cento di Hood, Reeves sostituirà l'attuale governatore repubblicano, Phil Bryant, che lascia per scadenza dei termini del suo mandato. Hood si è congratulato con Reeves per la vittoria.