101 CONDIVISIONI
17 Agosto 2022
10:38

Donna saudita condannata a 34 anni di carcere per aver criticato su Twitter il regime di Bin Salman

Salma Al-Shehab è stata condannata a 34 anni di carcere per aver condiviso degli articoli di dissidenti politici sauditi sul suo account Twitter.
A cura di Davide Falcioni
101 CONDIVISIONI

L’attivista femminista Salma Al-Shehab è stata condannata a 34 anni di carcere per aver condiviso degli articoli di dissidenti politici sauditi sul suo account Twitter. A emettere la sentenza è stato il tribunale militare anti terrorismo. La notizia non è apparsa sui media statali, ma è stata riportata da un’organizzazione saudita per la difesa dei diritti umani con sede negli Stati Uniti.

Al-Shehab risiedeva nel Regno Unito, dove studiava per il dottorato, ed è stata arrestata lo scorso anno durante il suo ritorno in patria per le vacanze. Nella sentenza di primo grado era stata condannata a 3 anni di reclusione, ma il ricorso della procura militare ha aggravato la sentenza, la più dura nel regno del cosiddetto "rinascimento arabo" dell’emiro Mohammed Bin Salman.

Roma, murale di Harry Greb che ritrae Matteo Renzi che stringe la mano a Mohammed bin Salman
Roma, murale di Harry Greb che ritrae Matteo Renzi che stringe la mano a Mohammed bin Salman

Secondo i giudici Salma al-Shehab, madre di due bambini piccoli, avrebbe con i suoi tweet e la sua attività da femminista "aiutato quanti cercano di provocare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale" in Arabia Saudita. In realtà l'attività della 34enne avrebbe avuto ben poco di sovversivo e pericoloso: prima del suo arresto la donna poteva contare appena 159 followers su Instagram, socia in cui si presentava come igienista dentale, educatrice medica, dottoranda all'Università di Leeds e docente alla Princess Nourah bint Abdulrahman University, oltre che come moglie e madre dei suoi figli, Noah e Adam.

Anche il suo profilo Twitter era ben lungi da quello di una sovversiva: ai suoi 2.597 follower Salma Al-Shehab raccontava prevalentemente il burnout da Covid e la sua vita familiare, ritwittando solo di rado i post di dissidenti sauditi che vivevano in esilio e chiedevano il rilascio dei prigionieri politici nel regno.

Una conoscente di Shehab ha raccontato che la donna non tollerava le ingiustizie e che per questo amava condividere le storie dei disertori politici sauditi. La 34enne era arrivata nel Regno Unito nel 2018 per proseguire il suo dottorato di ricerca a Leeds, per poi tornare in Arabia Saudita nel dicembre 2020 per trascorrere le vacanza: qui – dopo essere stata interrogata – è stata arrestata e processata per i suoi tweet, quindi condannata prima a 3 anni di reclusione poi, con un sentenza emessa due giorni fa, a 34 anni: si tratta della più lunga pena detentiva mai inflitta contro un'attivista "colpevole" di aver semplicemente criticato il regime di Mohammed Bin Salman sui social network.

101 CONDIVISIONI
Omicidio George Floyd: il poliziotto Thomas Lane condannato a 3 anni di carcere
Omicidio George Floyd: il poliziotto Thomas Lane condannato a 3 anni di carcere
Trovato il cadavere di Eliza Fletcher, l'insegnante ed ereditiera rapita in strada per soldi
Trovato il cadavere di Eliza Fletcher, l'insegnante ed ereditiera rapita in strada per soldi
Violentata a 15 anni, uccise aggressore. La sentenza:
Violentata a 15 anni, uccise aggressore. La sentenza: "Risarcimento di 150mila dollari a famiglia di lui"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni