Conflitto in Ucraina
19 Agosto 2022
09:26

Cosa sappiamo del contrattacco dell’Ucraina: incendi al confine con la Russia, esplosioni in Crimea

A che punto è la guerra della Russia in Ucraina: mentre le forze di Mosca continuano i bombardamenti su Kharkiv, Kiev lancia il contrattacco sulla Crimea e su un’area al confine dove si è verificato un incendio in un deposito di munizioni. Al lavoro anche la diplomazia con l’incontro tra Erdogan, Zelensky e Guterres. Per l’Onu “negoziati di pace ancora lontani”.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Anche se la guerra della Russia in Ucraina sembra essere in una fase di "stallo strategico", come l'hanno definita alcuni esponenti dell'establishment di Kiev, continua la battaglia sul campo.

Con attacchi non solo da parte delle truppe di Mosca, che stanno si stanno concentrando in particolare nella zona di Kharkiv e Mikolaiv.

Nelle ultime ore, infatti, sarebbero state registrate una serie di esplosioni in Crimea oltre ad essere stati evacuati due villaggi al confine con la Russia dopo che un incendio è scoppiato all'interno di un deposito di munizioni.

Contrattacco dell'Ucraina in Crimea

La controffensiva ucraina si sta concentrando soprattutto in Crimea, controllata dai russi.

Quattro esplosioni hanno colpito un'area vicino a un importante aeroporto militare russo, quello di Belbek, ieri, hanno riferito fonti locali, ma un funzionario filo-Mosca ha affermato che non sono stati arrecati danni. Il governatore di Sebastopoli, Mikhail Razvozhayev, ha affermato che le forze antiaeree russe hanno abbattuto un drone ucraino.

Inoltre, due villaggi russi sono stati evacuati dopo un incendio in un deposito di munizioni vicino al confine ucraino nella provincia di Belgorod. "Un deposito di munizioni ha preso fuoco vicino al villaggio di Timonovo", a meno di 50 km dal confine, ha affermato in una nota il governatore regionale Vyacheslav Gladkov, aggiungendo che non sono state segnalate vittime.

Bombardamenti a Kharkiv: almeno 12 morti

I russi, intanto, si stanno concentrando sulla città di Kharkiv, la seconda più grande dell'Ucraina. Nelle ultime ore, in seguito agli ennesimi bombardamenti, sono morte almeno 12 persone.

Come ha sottolineato il Ministero della Difesa britannico, Kharkiv, tra le città più colpite dall'inizio dell'invasione, "ha sofferto perché rimane nel raggio di azione dell'artiglieria russa. Lanciarazzi multipli e armi ad area generalmente imprecise hanno causato devastazione in gran parte della città", aggiungendo che "probabilmente i russi stanno cercando di costringere l'Ucraina a mantenere forze significative su questo fronte, per impedire che vengano impiegate come forza di contrattacco altrove".

Onu: "Negoziati di pace ancora lontani"

Anche la diplomazia non si ferma. Ieri a Leopoli si è tenuto l'incontro tra il presidente turco Erdogan, l'omologo ucraino Volodymyr Zelensky e il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres.

Al centro dei colloqui ci sono stati i dossier grano, il conflitto con la Russia e la situazione alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

"I negoziati concreti per fermare la guerra in Ucraina sono ancora lontani", ha detto il vice portavoce del segretario generale Onu, Farhan Haq, aggiungendo che "Guterres ha discusso gli sforzi per portare avanti la causa della pace, ma siamo ancora molto lontani dal momento in cui si potranno discutere gli sforzi per una completa cessazione delle ostilità".

Nel corso dell'incontro Zelensky ha ribadito che i negoziati tra Ucraina e Federazione Russa sono possibili solo a condizione che Mosca ritiri le sue truppe dai territori ucraini che ha occupato.

2841 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni