Gli umani in casa in quarantena. Gli animali, indisturbati, in libertà. La pandemia di coronavirus, che sta costringendo in casa miliardi di persone, sta avendo conseguenze terribili sul genere umano ma decisamente migliori su molte altre specie viventi: l'inquinamento è drasticamente diminuito così come la presenza dell'uomo e ciò sta permettendo a miliardi di animali di condurre una vita più libera. Ne sanno qualcosa le tartarughe marine che in India orientale, lungo le coste dello Stato di Odisha, dopo molti anni sono tornate a nidificare indisturbate approfittando dell'assenza degli uomini, che da sempre rappresentano una minaccia alla loro sopravvivenza.

Come racconta Curioctopus centinaia di migliaia di tartarughe olivacee (Olive Ridley, o Lepidochelys olivacea) nei giorni scorsi sono riuscite a raggiungere la spiaggia di Rushikulya, costruendo indisturbate i loro nidi sulla sabbia e deponendo le uova che prossimamente si schiuderanno. Le tartarughe per la prima volta da anni sono riuscite a deporre le uova in modo più sicuro e protetto senza la presenza dell'uomo e delle sue attività di pesca e turismo.

Normalmente, infatti, alla deposizione delle uova assistono frotte di turisti curiosi, ai quali si aggiungono i bracconieri che vendono le piccole tartarughe nei mercati locali. Tutto ciò stavolta non si è verificato, e le splendide tartarughe marine hanno potuto nidificare in completa tranquillità. La notizia arriva dopo che anche un'altra nidificazione di massa, avvenuta sulla spiaggia di Gahirmatha, è andata a buon fine.