Momenti di paura oggi per il presidente della Bolivia Evo Morales quando l'elicottero su cui viaggiava ha dovuto effettuare un improvviso atterraggio di emergenza a causa di un guasto al velivolo che non riusciva a prendere quota subito dopo il decollo. Morales si trovava un villaggio delle Ande dove il presidente aveva appena inaugurato una nuova strada. Come si vede in alcuni video diffusi online, insieme al suo staff si era appena imbarcato sull'elicottero presidenziale fatto atterrare appositamente in un campo sportivo della zona ma qualcosa è andato storto e il velivolo non ha preso quota. Dopo aver volato rasoterra, sopra la recinzione e i tanti cittadini accorsi per l'eventi l'elicottero ha fatto poche decine di metri per atterrate poco lontano tra lo spavento dei presenti.

L'elicottero EC-145 "ha avuto un guasto meccanico al rotore di coda durante il decollo, il che ha provocato un atterraggio di emergenza", hanno spiegato dall'aviazione militare boliviana in una nota. Fortunatamente alla fine nessuno è rimasto ferito e anche se l'aeronautica ha detto che sta ancora indagando sulle cause dell'errore, l'incidente ha sollevato pesanti sospetti di sabotaggio tra i sostenitori di Morales dopo che gli avversari hanno promesso di cacciarlo via. Da ottobre infatti Il paese sudamericano sta attraversando un momento molto difficile dopo la rielezione di Morales con violente manifestazioni di piazza da parte delle opposizioni che hanno bollato il risultato come una frode per presunte irregolarità nel conteggio dei voti. Morales ha risposto accusando i suoi avversari di cercare spargimenti di sangue e di aver pianificato un colpo di stato contro di lui.

Sabato, un leader dell'opposizione conservatrice nella regione orientale di Santa Cruz, Luis Fernando Camacho, ha minacciato di "prendere provvedimenti decisivi" lunedì notte per scacciare Morales dal potere e ha invitato i militari a "stare dalla parte del popolo".  Per questo mentre il ministro degli Interni Carlos Romero ha dichiarato lunedì che il governo aveva "assoluta fiducia" nelle forze armate, il suo predecessore definito l'incidente in elicottero "un attacco criminale".