Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump
23 Luglio 2022
10:04

Bannon colpevole di oltraggio al Congresso, l’ex stratega di Trump sorride alla lettura del verdetto

Bannon è ritenuto colpevole di oltraggio al Congresso per essersi rifiutato di testimoniare davanti alla commissione d’inchiesta sull’assalto del 6 gennaio a Capitol Hill. Presente in aula alla lettura del verdetto: “Persa una battaglia, non la guerra”.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump

"Abbiamo perso una battaglia ma non perderemo la guerra". Con queste parole Stephen Bannon ha commentato il verdetto di colpevolezza della giuria, che lo ha ritenuto colpevole di oltraggio al Congresso. Verdetto che per l'ex stratega di Donald Trump è arrivato nella serata di ieri dopo solo tre ore di deliberazioni: Bannon è colpevole di oltraggio al Congresso per essersi rifiutato di testimoniare davanti alla commissione d’inchiesta sull'assalto del 6 gennaio a Capitol Hill. Bannon ha sorriso alla lettura del verdetto della giuria, secondo quanto riportato dalla Cnn. Lui è il primo del circolo più stretto dell'ex presidente americano a essere ritenuto colpevole nell'ambito delle indagini sull'assalto del 6 gennaio.

Il verdetto di colpevolezza di Stephen Bannon è una "vittoria della legge e della legalità" e un'"importante conferma del nostro lavoro”, così la commissione di indagine sul 6 gennaio che sostiene – si legge in una nota – che "nessuno è al di sopra della legge”. Il giudice Carl Nichols fissa al 21 ottobre la sentenza: Bannon rischia un minimo di 30 giorni in carcere fino a un massimo di due anni, oltre a migliaia di dollari di multe.

"Questo non è un caso complesso ma è importante", ha detto l'assistente procuratore Molly Gaston nella sua arringa finale. Bannon "ha scelto la fedeltà a Trump invece che il rispetto della legge", ha aggiunto. "Io sto con Trump e con la costituzione", ha detto Bannon fuori dal tribunale con accanto il suo legale David Schoen, che preannuncia un possibile appello. Bannon ha sempre negato ogni responsabilità per l'attacco del 6 gennaio, pur vantandosi di essere "l'architetto ideologico" degli sforzi per ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali del 2020. A quanto emerso, inoltre, il giorno prima dell’assalto al Congresso Bannon e Trump si erano sentiti telefonicamente diverse volte e secondo indiscrezioni l'ex stratega era al Willard Hotel di Washington nei giorni precedenti all'insurrezione in qualità di componente del "command center" dei fedelissimi di Trump.

Assalto a Capitol Hill, nuove rivelazioni:
Assalto a Capitol Hill, nuove rivelazioni: "Trump sapeva di gente armata al comizio"
Assalto al Campidoglio: Trump accusato di tentato colpo di stato
Assalto al Campidoglio: Trump accusato di tentato colpo di stato
"Incontri segreti prima dell'assalto a Capitol Hill": la rivelazione dell'ex portavoce di Trump
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni