19 Dicembre 2016
22:11

Attentato Berlino avvenuto vicino la chiesa della memoria: luogo simbolico tedesco

Si sa che i terroristi prediligono sempre luoghi molto precisi per colpire. E in tale ottica si spiegherebbe perché è stata scelta la zona della “Gedachtniskirche”, ovvero la chiesa della commemorazione del Kaiser Guglielmo.
A cura di Biagio Chiariello

L’attentato terroristico a Berlino, dove un camion si è schiantato contro un mercatino di Natale a Berlino nel quartiere di Charlottemburg, causando diversi morti – almeno 9 – e oltre 50 feriti, è avvenuto in un’area frequentatissima dai turisti e dai berlinesi, quella della "Gedachtniskirche", ovvero la chiesa della commemorazione del Kaiser Guglielmo. Un luogo quindi sicuramente simbolico della capitale tedesca. Per quanto la strage non sia stata ancora rivendicata, si sa che i terroristi scelgono sempre spazi e territori rilevanti nell’immaginario collettivo.

Breitscheidtplatz è una delle piazze principali di Berlino, nel quartiere di Charlottenburg. Ospita oltre 100 bancarelle nella zona commerciale borghese, disposte tutt’intorno ad un maestoso albero di Natale illuminato, proprio di fronte alla chiesa. In questo periodo l'area è tutta addobbata a festa, tra Kurfürstendamm e Zoologischer Garten, e il mercatino offre artigianato fatti a mano, decorazioni natalizie, abbigliamento invernale, giocattoli per bambini e accessori realizzati con cura.

I mercatini si trovano all'inizio del Kurfurstendamm, il viale commerciale della capitale tedesca. Le modalità dell'attacco riportano sicuramente alla memoria quelle dell'attentato del 14 luglio scorso a Nizza, quando 86 persone furono uccise dal tir guidato da un estremista islamico.

Barca capovolta da una balena, muoiono 5 persone
Barca capovolta da una balena, muoiono 5 persone
Famiglia massacrata: marito, moglie e tre bambini uccisi a colpi d'arma da fuoco
Famiglia massacrata: marito, moglie e tre bambini uccisi a colpi d'arma da fuoco
Una firma per aprire alla condivisione: una casa e un orto solidale
Una firma per aprire alla condivisione: una casa e un orto solidale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni