La Capitale italiana della Cultura 2022 è Procida. Il verdetto è arrivato, come previsto, stamani 18 gennaio 2021. Ad annunciare la vittoria, in diretta streaming, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo Dario Franceschini. Terminate le audizioni delle dieci città finaliste in corsa per il titolo Capitale italiana della cultura per l’anno 2022, la giuria presieduta dal professor Baia Curioni ha avuto il compito di valutare il progetto più idoneo reso noto alla presenza e ha selezionato Procida dalla rosa delle finaliste.

Procida è Capitale italiana della Cultura 2022

A Procida, che la commissione del MiBact ha scelto tra le 10 finaliste, sarà assegnato un contributo di 1 milione di euro, oltre all'esclusione delle risorse investite nella realizzazione del progetto dal vincolo del patto di stabilità.

Il dossier-Procida si aggiudica la Capitale della Cultura 2022

Il progetto vincitore di Procida Capitale della Cultura italiana 2022 punterà su cultura, natura e il ruolo di isola, ecco un abstract dell'iniziativa:

Procida si candida a Capitale Italiana della Cultura perché la terra isolana è luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, è modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali. Il percorso che ha portato alla creazione e consegna del dossier di candidatura è una significativa esperienza di innovazione sociale, per la centralità di un modello di vita urbana attiva, orientata alla cultura e ai desideri della comunità. Procida è l'isola che non isola, laboratorio culturale di felicità sociale.

Dopo aver annunciato in diretta Zoom e YouTube la nomina di Procida, il ministro Franceschini ha twittato l'annuncio dell'isola in provincia di Napoli Capitale italiana della Cultura 2022:

Questa la motivazione con cui la giuria ha scelto di premiare l'isola di Procida a Capitale italiana della Cultura nel 2020, letta in diretta dal titolare del MiBact:

Il progetto culturale presenta elementi di attrattività e qualità di livello eccellente. Il contesto di sostegni locali e regionali pubblici e privati e' ben strutturato, la dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo e' straordinaria, la dimensione laboratoriale, che comprende aspetti sociali e di diffusione tecnologica è dedicata alle isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un'autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà  dell'isola si estende come un augurio per tutti noi, al paese, nei mesi che ci attendono. La capitale italiana della cultura 2022 è Procida.

Le 10 finaliste Capitale italiana della Cultura 2022

Ecco l'elenco delle candidate finaliste, audite dalla commissione ministeriale negli scorsi giorni, da cui è stata scelta Procida, che succederà a Parma Capitale della Cultura italiana 2020 poi prorogata al 2021:

1. Ancona – Ancona. La cultura tra l'altro;
2. Bari – Bari 2022 Capitale italiana della cultura;
3. Cerveteri (Roma) – Cerveteri 2022. Alle origini del futuro;
4. L’Aquila – AQ2022, La cultura lascia il segno;
5. Pieve di Soligo (Treviso) – Pieve di Soligo e le Terre Alte della Marca Trevigiana;
6. Procida (Napoli) – Procida Capitale italiana della cultura 2022;
7. Taranto – Taranto e Grecia Salentina. Capitale italiana della cultura 2022. La cultura cambia il clima;
8. Trapani – Capitale italiana delle culture euro-mediterranee. Trapani crocevia di popoli e culture, approdi e policromie. Arte e cultura, vento di rigenerazione;
9. Verbania – La cultura riflette. Verbania, Lago Maggiore;
10. Volterra (Pisa) – Volterra. Rigenerazione umana