Libreria Acqua Alta a Venezia (foto da Twitter)
in foto: Libreria Acqua Alta a Venezia (foto da Twitter)

Solo pochi mesi fa, nel dedicargli uno speciale di Fanpage.it, l'avevamo definita la "libreria più bella del mondo". Stiamo parlando della libreria "Acqua alta" di Venezia. Purtroppo, a quanto pare, questo negozio di libri ha nel nome il suo destino e con la poderosa marea degli ultimi due giorni che sta letteralmente "affondando" Venezia non è riuscita a sfuggire all'invasione dell'acqua alta, che ha distrutto tutti i libri di questo piccolo gioiello non lontano dal Palazzo Ducale e dall'Arsenale. Abbiamo provato a contattare i librai in queste ore, senza ricevere risposta. Purtroppo la situazione dev'essere così drammatica da non lasciare tempo a Diana e Luigi (gestore e fondatore della libreria Acqua alta di Venezia) da non lasciare tempo, né spazio per una chiacchiera con i giornalisti.

In ogni caso, come raccontato ieri da Libreriamo, una dichiarazione almeno iniziale c'è stata, da parte di uno dei componenti dello staff, Diana, che ha dichiarato:

Noi ci chiamiamo Acqua Alta, l’acqua alta ce l’aspettiamo, ma così alta no. C’è acqua dappertutto. Non eravamo pronti per una mareggiata simile. L’acqua si è alzata di 50 cm in più del previsto. Ieri mi entrava persino negli stivali da pescatore. Camminavo in punta di piedi per tentare di mettere in salvo i libri. Quando è così, viene da arrendersi.

Libreria Acqua Alta di Venezia

La Libreria Acqua Alta di Venezia si trova in Calle Lunga Santa Maria Formosa, e nasce nel 2004 grazie a Luigi Frizzo, l’instancabile proprietario che all'occorrenza aiuta i visitatori a districarsi fra le pile di libri ammonticchiate sulle tavole di legno e nelle barche che riempiono gran parte del piccolo spazio: l’acqua alta è uno dei pericoli ai quali i veneziani devono far fronte, e con loro i centinaia di volumi che il signor Frizzo ha messo a disposizione dei suoi clienti. Per farlo, ha ideato questo semplice e caratteristico stratagemma: i libri non sono esposti su comuni scaffali o mensole, bensì in gondole e barchette che, in caso di alta marea, proteggono i volumi dall'acqua. Una mossa semplice, che rende questa libreria molto più di una semplice libreria. Ma un vero e proprio gioiello da custodire gelosamente. Che purtroppo, al momento, risulta disperso in fondo al mare.