29 Dicembre 2020
11:53

Bridgerton: la serie tv tratta dai libri di Julia Quinn, la Elena Ferrante americana

La serie tv del momento su Netflix è “Bridgerton”, tratta dalla trilogia dei romanzi di Julia Quinn, scrittrice americana best seller in tutto il mondo, i cui libri in Italia sono tradotti e pubblicati da Mondadori. Tradotti in 29 lingue in tutto il mondo, i romanzi della Quinn raccontano l’età Regency da un punto di vista molto speciale: quello del gossip.
A cura di Redazione Cultura

Dal giorno di uscita su Netflix, "Bridgerton" è la serie tv più apprezzata dagli spettatori di questo Natale, almeno sulla piattaforma in streaming più diffusa al mondo. La serie tv, ambientata nell'epoca Regency della corona britannica, è uno show targato Shondaland, casa di produzione fondata dalla famosa sceneggiatrice e produttrice televisiva statunitense Shonda Rhimes, ed è stato creato dal suo collaboratore di lunga data Chris Van Dusen (Scandal, Grey's Anatomy, Private Practice). La storia racconta una vicenda romantica, romantica e scandalosa, celebrando l'eternità di amicizie durature, famiglie che trovano la loro strada e la ricerca di un amore che conquisti tutto. Non tutti sanno, però, che questa serie televisiva di successo è basata sui romanzi di una scrittrice americana, Julia Quinn, veri e propri best seller degli ultimi anni, soprattutto negli Stati Uniti.

Bridgerton: i libri di Julia Quinn

La serie è ispirata alla trilogia di libri scritta da Julia Quinn e pubblicata in Italia per Mondadori. Tre libri, tre storie ricche di passione e coinvolgimento. La storia si sviluppa nei tre romanzi intitolati: "Bridgerton. Il duca e io", "Bridgerton. Il visconte che mi amava" e "Bridgerton. La proposta di un gentiluomo". Tutti i libri sono stati scritti da Julia Quinn, nota per essere un po' la Elena Ferrante degli Stati Uniti, anche se quest'etichetta non le si addice completamente. Vediamo perché.

Chi è Julia Quinn, la scrittrice della trilogia "Bridgerton"

Nata nel 1970 e cresciuta a New York, Julia Quinn ha deciso di dedicarsi completamente alla scrittura dopo aver studiato medicina per pochi mesi e con già tre libri pubblicati. I suoi romanzi sono stati tradotti in 29 lingue ed è apparsa nella lista dei best seller letterari stilata dal New York Times 19 volte. Nel 2010 la scrittrice è stata introdotta nella Romance Writers of America Hall of Fame. A luglio 2018 è stato annunciato che la sua serie di romanzi Bridgerton sarebbe stata adattata in una serie televisiva omonima prodotta da Shonda Rhimes, di cui è adesso è ufficiale si farà anche. la seconda stagione dopo il grande successo della prima.

In realtà, come nel caso di Elena Ferrante, il nome Julia Quinn è un nome inesistente, o meglio, è uno pseudonimo. Nel caso specifico è il nome di Julie Pottinger, dietro cui si cela l'identità (in questo caso non nascosta, né misteriosa, come per la Ferrante) dell'autrice della saga britannica dedicata ai Bridgerton.

Alice in Borderland è il manga che ha "ispirato" Squid Game, la serie tv del momento
Alice in Borderland è il manga che ha "ispirato" Squid Game, la serie tv del momento
Il confronto tra Elena Ferrante e Marina Abramović è destinato a rimanere nella memoria
Il confronto tra Elena Ferrante e Marina Abramović è destinato a rimanere nella memoria
Bruce Springsteen legge "Furore" in un nuovo documentario italiano dedicato ai migranti
Bruce Springsteen legge "Furore" in un nuovo documentario italiano dedicato ai migranti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni