760 CONDIVISIONI

Apre il Nest: il teatro della periferia est di Napoli (ANTEPRIMA VIDEO)

Si chiama Nest – Napoli est teatro ed è un progetto di un gruppo di artisti e tecnici napoletani che ristrutturando a proprie spese una struttura abbandonata del quartiere di San Giovanni a Teduccio (periferia est di Napoli) ha dato vita a un teatro che sabato 29 e domenica 30 apre i battenti.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Andrea Esposito
760 CONDIVISIONI
Immagine

Nasce nella periferia est di Napoli, a San Giovanni a Teduccio, il Nest – Napoli est teatro, più che uno spazio culturale dedicato alle arti sceniche, una vera e propria utopia che un gruppo di sei tra artisti e tecnici sta per realizzare in uno dei quartieri più difficili della città: Francesco Di Leva, Adriano Pantaleo, Carmine Guarino, Giuseppe Miale di Mauro, Giuseppe Gaudino e Andrea Vellotti sono i protagonisti di questo sogno che dopo tre anni di sacrifici, sabato 29 e domenica 30 novembre diventerà finalmente realtà. Fanpage.it vi porta in anteprima a visitare gli spazi del Nest e vi racconta attraverso le interviste agli organizzatori la genesi di questo incredibile progetto.

Mentre in tutta Italia i teatri chiudono, è di questi giorni un bel articolo di Andrea Porcheddu che fa il punto sulla disastrosa situazione romana, e in Rete circola l’ormai noto hashtag del Valle Occupato, #tristeèlacittà (triste è la città che chiude i suoi teatri) nella periferia est di Napoli, una zona infestata da clan camorristici feudali, un gruppo di artisti e tecnici ha deciso di fare una scommessa: trasformare una vecchia palestra di una scuola, un luogo abbandonato al degrado e brutalmente vandalizzato, in uno spazio teatrale completamente ristrutturato, messo a norma, con una capienza di cento posti e un palcoscenico di tutto rispetto.

Il progetto è stato realizzato, come direbbe Eduardo “tavola-tavola, chiodo-chiodo” (e cioè con pazienza e tenacia, un passo alla volta), nel corso degli ultimi tre anni dagli stessi responsabili dello spazio: senza alcun fondo pubblico né risorse private, ma con il sudore della fronte. Potendo contare sull’intraprendenza e la competenza specifica di ciascuno degli animatori del progetto, in questi anni i ragazzi del Nest si sono rimboccati le maniche e autotassati con l’obiettivo di realizzare il loro sogno: “Benedetta è la città che fonda un teatro” come scrisse Edward Bond e come titolava Attilio Scarpellini in apertura dei “Quaderni del Teatro di Roma”.

“L'obbiettivo – ci spiega Francesco Di Leva, presidente dell’associazione, è di rendere il Nest un polo di riferimento culturale alternativo che apre le porte a tutti coloro che vogliano intraprendere un viaggio artistico e sociale, in particolare a quelle categorie ritenute socialmente più deboli, ma potenzialmente più forti dal punto di vista del cambiamento e della creatività: i bambini e i giovani. Da qui l'idea di rendere disponibile laboratori e spettacoli teatrali, garantendo la gratuità ai ragazzi del territorio di età compresa tra 13 e i 17 anni”. Quindi non solo uno spazio che avrà una programmazione teatrale, ma un luogo aperto ai ragazzi del quartiere con cui saranno realizzate diverse iniziative quali, da subito: un corso di scrittura creativa che porterà alla stesura di un testo che avrà poi anche un esito scenico, un laboratorio di arte e cucina, un corso di trucco teatrale e molte altre iniziative. Inoltre, come si accennava, ci sarà una vera e propria programmazione non ancora definita ma che grossomodo avrà la seguente formula: da febbraio fino a maggio, ogni mese un regista di rinomata fama (un “big” come lo definisco gli organizzatori mutuando la dicitura sanremese) proporrà e accompagnerà in scena due spettacoli di giovani compagnie (4 registi per 8 spettacoli) che andranno in scena la seconda e la quarta settimana di ogni mese.

Inoltre il Nest si propone di ospitare workshop, mostre, laboratori, prove, di fungere da sala pose, insomma di essere uno spazio aperto a tutti coloro che, in questo periodo storico così difficile, non hanno grandi risorse a disposizione per produrre i propri progetti.

Sabato 29 e domenica 30 c’è l’open up del Nest. Ospiti d’eccezione Ennio Fantastichini che a titolo gratuito porterà lì un suo monologo e il giorno seguente Sergio Rubini, sempre con uno spettacolo-omaggio allo spazio di San Giovanni. Per maggiori info visitate il sito del Nest.

760 CONDIVISIONI
Apre il cantiere al Lungomare di Napoli: un anno di lavori
Apre il cantiere al Lungomare di Napoli: un anno di lavori
Perché la guerra tra Israele e Hamas adesso rischia di arrivare anche a Gerusalemme: l'allarme Ramadan
Perché la guerra tra Israele e Hamas adesso rischia di arrivare anche a Gerusalemme: l'allarme Ramadan
Una tartaruga caretta caretta nelle acque di Posillipo
Una tartaruga caretta caretta nelle acque di Posillipo
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views