Dramma in una casa di Montegaldella, provincia di Vicenza, dove una donna di 43 anni è stata uccisa a coltellate dall'ex fidanzato. Il 38enne ha poi ferito gravemente un altro uomo che si trovava nell'abitazione e per finire ha tentato di togliersi la vita. La vittima è stata trovata nel retro del palazzo, nei pressi del garage. I due feriti sono stati trasportati negli ospedali di Vicenza e Padova e sono entrambi feriti in modo gravissimo; uno dei due in particolare è stato operato subito dopo l'arrivo al nosocomio. Sul caso indagano i carabinieri.

In via Vespucci, dove si è consumato il tragico fatto di sangue, sono accorsi immediatamente i carabinieri della stazione di Longare, poi raggiunti dai colleghi del nucleo operativo di Vicenza. La quarantatreenne, di cui è al momento non sono state rese note le generalità, così come dei due feriti, è deceduta in seguito ad alcune coltellate che hanno raggiunto gli organi vitali. Stando a quanto ricostruito il fatto è avvenuto attorno alle 16.45 nei pressi del garage. L'ex compagno della vittima, un uomo di 38 anni, è giunto sul posto con l'intenzione di discutere, ma ben presto la lite è degenerata: prima ha colpito con due fendenti il nuovo fidanzato della donna e poi si è accanito contro di lei, sferrandole dei fendenti letali all'addome. Una volta resosi conto di quanto avvenuto l'uomo ha tentato di togliersi la vita, colpendosi con la stessa arma prima al petto e poi al collo. Il trentottenne, in condizioni gravissime, è stato soccorso da un'eliambulanza e successivamente trasportato al policlinico di Padova mentre l'altro ferito è stato trasportato in ambulanza all'ospedale al San Bortolo di Vicenza.

La zona in cui è avvenuto il delitto è stata transennata per tenere alla larga i curiosi e permettere agli inquirenti di effettuare i rilievi necessari. A dare l'allarme sarebbero stati alcuni vicini e commercianti che hanno il negozio sotto la palazzina, che hanno udito le grida provenire vicino ai garage, dove è avvenuta la tragedia.