2.390 CONDIVISIONI
Coronavirus
13 Giugno 2021
09:18

Vaccino Pfizer sicuro sugli adolescenti, dai test nessuna trombosi ed effetti collaterali lievi

Effetti collaterali lievi, sono questi i dati rassicuranti del vaccino Pfizer sugli adolescenti emersi dagli studi clinici di fase tre che hanno permesso alle agenzie regolatorie statunitense ed europee di dare il via libera al vaccino a mRna anche sui ragazzi nella fascia di età tra i 12 e i 15 anni. si studiano ora i casi di miocardite e pericardite segnalati dopo la seconda dose ma per gli esperti le percentuali non sono superiori a quelle attese nella popolazione generale.
A cura di Antonio Palma
2.390 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nessuna trombosi ed effetti collaterali lievi, sono questi i dati rassicuranti del vaccino Pfizer sugli adolescenti emersi dagli studi clinici di fase tre che hanno permesso alle agenzie regolatorie statunitense ed europee di dare il via libera al vaccino a mRna anche sui ragazzi nella fascia di età tra i 12 e i 15 anni. Gli studi si sono basati sui risultati emersi su un campione di 2.260 adolescenti arruolati negli Stati Uniti e divisi a metà in due sottogruppi: ad uno è andato il vero vaccino e all’altro un placebo. Dai risultati, oltre all'effetto collaterale più comune dopo l'inoculazione dei vaccini di Pfizer anche negli adulti e cioè il dolore o gonfiore al sito dell'iniezione, sono stati riscontrati anche casi di forte stanchezza, forti mal di testa e febbre alta.

Effetti del vaccino Pfizer sugli adolescenti

In tutti i casi, secondo gli studi clinici di Fase 3 pubblicati sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine, la gravità degli effetti collaterali riscontrati è stata da lieve a moderata ma i sintomi si sono sempre risolti entro pochi giorni. Alcuni effetti collaterali sono stati segnalati maggiormente dopo la seconda dose. La febbre alta oltre i 38°C ad esempio si è verificata dopo la seconda dose nel 20% del campione tra i 12-15 anni e nel 17% della classe 16-25 anni. Durante i test gli eventi avversi gravi sono stati pochi e nessuno correlato al vaccino. Non ci sono stati decessi, reazioni allergiche e casi di trombosi così come non son stati segnalati casi di miocarditi.

Il caso delle miocarditi sugli adolescenti

Le miocarditi però sono ora al centro di tutti gli studi in corso sul vaccino Pfizer sugli adolescenti dopo diverse segnalazioni arrivate dai Paesi dove il vaccino anti covid è già in uso sulla fascia di età più giovane. In particolare alcuni sistemi di farmacosorveglianza di alcuni Paesi hanno rilevato casi di miocardite e pericardite dopo la seconda dose del vaccino anti Covid di Pfizer ma al momento l’associazione col vaccino non è stata ancora accertata. A lanciare l’allerta è stato il ministero della Salute israeliano che ha segnalato 275 casi giovani maschi di età 16-30 su oltre 5 milioni di persone vaccinate con una maggiore incidenza nei ragazzi più giovani, con età compresa tra i 16 e i 19 anni. Fortunatamente nel 95 per cento dei casi si è trattato di malesseri lievi, che hanno richiesto non più di quattro giorni di ricovero in ospedale. Alcune casi segnalati anche in Usa e Canada ma per gli esperti le percentuali non sono superiori a quelle attese nella popolazione generale anche se l’attenzione è massima.

2.390 CONDIVISIONI
27016 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni