Aggiornamenti sull'influenza
14 Ottobre 2016
11:06

Vaccino contro l’influenza, 9 medici su 10 non lo fanno

Una pratica che, pur non essendo obbligata, dovrebbe essere acquisita da infermieri e operatori sanitari. “Fanno un pessimo servizio ai loro pazienti e alla sanità in generale” spiega l’esperto di Igiene dell’Università di Firenze.
A cura di B. C.
Vaccination protection influenza
Vaccination protection influenza
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggiornamenti sull'influenza

Quasi il 90% di medici e infermieri non effettua il vaccino contro l’influenza. "E' una vergogna per la categoria, una grave mancanza di rispetto di una misura importante per ridurre i rischi legati alla diffusione dell'epidemia", dice all'Adnkronos Salute Paolo Bonanni, docente di Igiene dell'Università di Firenze e componente della Società d'Igiene Siti. "Se medici e infermieri non si vaccinano – spiega Bonanni, commentando i dati  – fanno un pessimo servizio ai loro pazienti e alla sanità in generale. Questa misura, infatti, per quanto riguarda gli operatori ha una triplice valenza. In primo luogo, infatti, permette di ridurre i rischi di trasmettere il virus ai pazienti e quindi tutela gli assistiti. In secondo luogo tutela il funzionamento del servizio sanitario nei momenti in cui l'epidemia influenzale rischia di metterlo in crisi: i medici e gli infermieri vaccinati si ammalano meno e quindi consentono di garantire l'assistenza". Bonanni afferma che l’esempio dovrebbe partire proprio dalla base. "E' difficile convincere i cittadini a vaccinarsi se poi sono proprio i medici a non vaccinarsi. L'esempio è un fattore di comunicazione importante".

In realtà quello della scarsa sensibilità alla vaccinazione, è un fenomeno non solo nostrano. I dati più recenti a disposizione indicano il 12-13% nel nostro Paese, contro percentuali che vanno dal 15 al 29% di Paesi come Inghilterra, Germania e Francia. "E' abbastanza diffusa a livello internazionale – aggiunge Bonanni – ma la media di vaccinati italiana è più bassa". "Il personale sanitario così – dice Bonanni- rischia di diventare un anello della catena di trasmissione. Inoltre ci sono reparti ospedalieri dove si possono creare rischi importanti. La vaccinazione non è sicuramente una garanzia ma è il migliore strumento di prevenzione che abbiamo e va usato. E' importante fare qualcosa per invertire la tendenza. Anche i pazienti possono intervenire: dovrebbero, per esempio, esigere che il proprio medico li informi se si vaccina o se non lo fa".

19 contenuti su questa storia
Influenza stagionale 2017, pericolo medio: quando vaccinarsi e come ridurre il rischio
Influenza stagionale 2017, pericolo medio: quando vaccinarsi e come ridurre il rischio
Il cerotto contro l'influenza: la rivoluzione indolore dei vaccini
Il cerotto contro l'influenza: la rivoluzione indolore dei vaccini
Sconfiggeremo l'influenza con il muco di queste rane? Come funziona la molecola 'urumina'
Sconfiggeremo l'influenza con il muco di queste rane? Come funziona la molecola 'urumina'
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni