410 CONDIVISIONI
22 Aprile 2021
18:27

Uccise il padre per difendere la madre: Alex Pompa rinviato a giudizio, processo al via a giugno

Inizierà a giugno il processo in corte d’Assise per Alex Pompa, il ragazzo che il 30 aprile 2020 a soli 18 anni aveva ucciso a coltellate suo padre per difendere la mamma dall’ennesimo episodio di violenza nei suoi confronti. Il delitto nella loro casa di Collegno (Torino). Alex non ha potuto chiedere di essere giudicato con rito abbreviato a causa di una nuova norma.
A cura di Susanna Picone
410 CONDIVISIONI
Alex con il suo avvocato
Alex con il suo avvocato

È stato rinviato a giudizio Alex Pompa, il ragazzo di 19 anni che il 30 aprile dello scorso anno uccise a Collegno (Torino) suo padre per difendere la mamma, vittima dell'ennesima aggressione. Il processo al giovane inizierà il prossimo 30 giugno. La difesa non ha potuto chiedere il rito abbreviato per via di una nuova norma. “La legge non prevede la possibilità di accedere a riti alternativi nei procedimenti con reati che vengono puniti con l’ergastolo — ha spiegato il suo legale Claudio Serata —. Abbiamo provato a sollevare una questione costituzionale, ma il giudice non ha accolto la nostra istanza. Quindi affronteremo il processo davanti alla Corte d’Assise”.

Alex Pompa è agli arresti domiciliari a casa della mamma

Il ragazzo aspetterà l’inizio del processo a casa dalla mamma, dove vive ai domiciliari. Dopo l’omicidio del padre il Tribunale del Riesame aveva accolto la richiesta dell’avvocato di consentire al ragazzo di lasciare il carcere e trasferirsi a casa di un compagno di scuola, che aveva dato la propria disponibilità ad accoglierlo. Lo scorso giugno, dall'abitazione dell’amico, il giovane sostenne l'esame di maturità e in quella occasione l'allora ministro all'istruzione, Lucia Azzolina, gli telefonò per sostenerlo. Poi Alex è tornato alla madre nella casa di Collegno in cui si è consumato il delitto e nel frattempo si è iscritto all’università.

L'omicidio di Collegno

L’omicidio risale al 30 aprile del 2020: il padre di Alex, secondo quanto è emerso dalle indagini, aveva spesso comportamenti violenti nei confronti della moglie. Alex dinanzi all’ennesima aggressione lo trafisse con numerose coltellate. "Sei l'unico che ascolta. Devi intervenire in modo drastico. Qui rischiamo tutti la vita", il messaggio che Alex e il fratello avevano scritto allo zio la sera dell'omicidio del padre. Il diciannovenne non ha mai negato il delitto.

410 CONDIVISIONI
Sparanise, padre picchiato dal branco per difendere la figlia 13enne
Sparanise, padre picchiato dal branco per difendere la figlia 13enne
26.595 di Fanpage.it Napoli
Bimba di 8 anni ingerisce cocaina: il padre è ai domiciliari, la madre assume stupefacenti
Bimba di 8 anni ingerisce cocaina: il padre è ai domiciliari, la madre assume stupefacenti
Orrore a Macerata: in casa i corpi decomposti di madre, padre e figlio
Orrore a Macerata: in casa i corpi decomposti di madre, padre e figlio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni