11.217 CONDIVISIONI

Uccidere meduse è reato, si rischiano multe salate e il carcere

Prelevare meduse dal mare e portarle in spiaggia per farle morire al sole senza nessun motivo può essere configurato come reato di maltrattamento di animali e si rischia una pesante multa o addirittura il carcere. “Il mare è casa loro. L’Uomo è un invasore di questo habitat e pertanto deve rispettare fauna e flora che lo abitano” ha sottolineato Eticoscienza Associazione di promozione sociale che mira alla tutela dell’ambiente e degli animali.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
11.217 CONDIVISIONI
Immagine

Anche se non tutte sono pericolose, quando si avvista una medusa in acqua è sempre bene non avvicinarsi ma allontanarsi il più possibile per evitare spiacevoli conseguenze. Mai invece si dovrebbe prelevare meduse per ucciderle e portarle in spiaggia perché così facendo provochiamo loro sofferenze atroci, un atto inutile ma anche un reato punibile a norma di legge con una pesante sanzione che nei casi più gravi può arrivare fino al carcere. A ricordarlo è la pagina Facebook di Eticoscienza Associazione di promozione sociale che mira alla tutela dell’ambiente e degli animali soffermandosi sul rispetto dell’etologia di ogni specie. Il riferimento è all'articolo del Codice penale che punisce chiunque "per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche" e prevede pene com3 "la reclusione da tre mesi a diciotto mesi o la multa da 5.000 a 30.000 euro".

"Precedenti sentenze della Corte di Cassazione hanno confermato che l'articolo non si riferisce alle sole lesioni fisiche, ma è riconducibile anche a sofferenze di carattere ambientale, comportamentale, etologico o logistico, comunque capaci di produrre sofferenza agli animali in quanto esseri senzienti" ricordano dall'associazione, aggiungendo quindi che "prelevare dal loro habitat naturale animali e riporli, anche temporaneamente, in secchielli o simili luoghi del tutto sconosciuti agli animali in questione ed inadeguati alle loro caratteristiche etologiche, sia per gli stessi fonte di grande stress, e causa di sofferenze, penalmente rilevanti". "Nel caso ci fosse un'invasione di meduse, la prima cosa da fare è chiamare la guardia costiera o la capitaneria di porto nella zona in cui vi trovate e aspettare che vi dicano loro come intervenire" raccomandano da Eticoscienza, concludendo: "Ricordiamoci che il mare è casa loro. L’Uomo è, come sempre, un invasore di questo habitat e pertanto deve rispettare fauna e flora che lo abitano. Animali urticanti compresi".

11.217 CONDIVISIONI
Omicidio Anica Panfile, resta in carcere Franco Battaggia: "Pericolo fuga, potrebbe reiterare il reato"
Omicidio Anica Panfile, resta in carcere Franco Battaggia: "Pericolo fuga, potrebbe reiterare il reato"
Cosa prevede il ddl Ferragni approvato in Cdm: le regole per la beneficenza e le multe dopo il caso Balocco
Cosa prevede il ddl Ferragni approvato in Cdm: le regole per la beneficenza e le multe dopo il caso Balocco
Che fine hanno fatto le multe ai No vax
Che fine hanno fatto le multe ai No vax
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni