Da domani, lunedì 4 maggio, circa quattro milioni e mezzo di persone torneranno a spostarsi per raggiungere il proprio posto di lavoro. Molte lo faranno ricorrendo alla propria auto, in modo da limitare i contatti e i rischi di contagio, ma altrettante dovranno fare affidamento ai mezzi di trasporto pubblico. Per questa ragione il gruppo Ferrovie dello Stato ha introdotto una serie di novità per chi viaggerà in treno, in modo da favorire il rispetto delle misure di distanziamento sociale. Una di queste riguarderà l'acquisto del biglietto, che sarà elettronico e nominativo per le Frecce e i treni Intercity. Non solo: la prenotazione diventerà obbligatoria.

"L’iniziativa, nel pieno rispetto degli obblighi di protezione dei dati personali, garantirà un maggior livello di sicurezza sanitaria consentendo, ad esempio, di essere avvisati nel caso in cui si sia condiviso il viaggio con un passeggero risultato successivamente positivo al virus", si legge nel sito di Trenitalia. Il biglietto, quindi, non sarà più cartaceo per i treni ad alta velocità e gli Intercity, ma esclusivamente elettronico. Sarà inoltre nominativo e acquistabile solamente attraverso prenotazione. Attraverso questo meccanismo sarà infatti possibile assegnare i posti "a scacchiera", in modo da garantire il distanziamento sociale.

Le raccomandazioni di Trenitalia

Trenitalia conferma inoltre che la capienza sarà ridotta del 50%. Per far fronte a questa diminuzione di posti disponibili, tuttavia, "l'offerta dei servizi di trasporto regionale e, progressivamente, anche nazionale, conoscerà un aumento in una misura coerente a soddisfare la domanda di mobilità stimata dalla commissione governativa". Per quanto riguarda il trasporto regionale, nelle ore di punta saranno aumentate le corse in modo che nei vagoni sia sempre garantito il metro di distanza tra i passeggeri.

Sono inoltre state pubblicate delle raccomandazioni sui comportamenti individuali da mantenere per tutta la durata del viaggio: oltre a lasciare libero un sedile tra una persona e l'altra, si dovrà anche indossare la mascherina e igienizzare frequentemente le mani. Inoltre è raccomandato l'utilizzo di guanti monouso. Per quanto riguarda le norme da osservare all'interno delle stazioni, Ferrovie dello Stato ha provveduto a segnalare dei percorsi che permettano sempre di mantenere le distanze di sicurezza.

Traffico raddoppiato

Da domani, lunedì 4 maggio, il traffico regionale sulle ferrovie verrà quasi raddoppiato: i treni passeranno da circa 2.000 a 3.800 in tutto il territorio nazionale. A regime, Trenitalia conta 6.500 convogli regionali su cui, secondo una stima di Pendolaria di Legambiente, viaggiano ogni giorno un milione e mezzo di pendolari. Dall'inizio dell'emergenza, con l'entrata in vigore dei divieti agli spostamenti, i treni sono nettamente diminuiti. Ma da domani, con l'avvio della Fase 2, aumenterà l'offerta di collegamenti.