Un ragazzo di cui non si conosce l'identità è stato ritrovato privo di vita nel giardino di una villetta, a Quiliano, nel Savonese. Sul posto, in via Torcello, sono subito intervenuti i militi della Croce Rossa di Quiliano, l’auto medica e i Carabinieri. Le cause della morte restano sconosciute, per ora, ma non si esclude che possa essersi trattato di un arresto cardiaco. La scoperta è avvenuta intorno alle 15 e 40 di oggi nel giardino di Villa Mimosa, in via Torcello, nel piccolo comune ligure.

Sul posto sono giunti anche il sindaco di Quiliano, Nicola Isetta e la vicesindaco e assessore ai servizi sociali Nadia Ottonello. I carabinieri hanno dato il via ai rilievi del caso. Sebbene non si conoscano le generalità del giovane, è emerso che si tratterebbe di un ragazzo di 30 anni di origini asiatiche. Sembra verosimile che la morte possa essere sopraggiunta per cause naturali, mentre il giovane svolgeva alcuni lavori di giardinaggio.

L'episodio ha destato sgomento nella comunità del piccolo comune in provincia di Savona, già scosso da un altro evento luttuoso circa un mese fa, quando un settantasettenne disperso nei boschi di Quiliano, in località Tecci, è stato ritrovato morto. In quel caso, come accertato dagli esami medico legali, si trattò di una morte naturale, sopraggiunta, probabilmente per un fatale malore. L'anziano era uscito di casa in cerca di funghi, aveva parcheggiato la sua auto lungo uno dei sentieri del bosco per poi avventurarsi nella vegetazione. Il suo mancato rientro aveva poi fatto scattare l’allarme e dato il via alle ricerche, conclusesi con il ritrovamento in una zona impervia del bosco.