Primo giorno di scuola dalla Rianimazione dell'ospedale Mauriziano di Torino, diretta dal dottor Vincenzo Segala, per un ragazzo di sedici anni affetto da una grave polmonite bilaterale. Il giovane frequenta da oggi il quarto anno dell'Itis "Primo Levi" e, nonostante il ricovero in ospedale di venerdì scorso, non ha rinunciato al primo giorno di scuola dopo la lunghissima pausa dovuta alla pandemia di Coronavirus. Il miglioramento delle ultime ore gli ha infatti permesso di affrontare le prime lezioni online, attraverso un computer che lo stesso ospedale di Torino gli ha dato.

Escluso il Coronavirus per il sedicenne – Il sedicenne era arrivato all'ospedale Mauriziano di Torino nella prima mattina di venerdì scorso con difficoltà respiratoria e febbre. Le indagini hanno documentato una grave polmonite bilaterale e c’era anche il sospetto potesse trattarsi di Coronavirus. Poi, invece, è stato possibile escludere la malattia da Covid-19 e la diagnostica si è indirizzata verso virus e batteri rari.

Il ragazzo sta meglio e ha potuto affrontare il primo giorno di scuola dall'ospedale – La situazione respiratoria, "grave e potenzialmente evolutiva" come spiega una nota dell'ospedale, ha indotto i medici al ricovero nel reparto di Rianimazione nella serata dello stesso giorno, dove si è proceduto al monitoraggio di tutte le funzioni vitali e a una terapia con due diversi antibiotici di uso ospedaliero. Terapia che è servita dato che, appunto, il miglioramento clinico ha dato la possibilità al giovane di affrontare, anche se in maniera diversa, il primo giorno di scuola insieme a compagni di classe e professori.