133 CONDIVISIONI
30 Aprile 2021
17:14

Torino, protesta dei giostrai: la tangenziale bloccata per 5 ore. “Rischio calcolato vale anche per noi”

I lavoratori dei Luna Park e degli spettacoli itineranti hanno organizzato per la giornata di oggi una protesta sulle maggiori strade italiane. I camion dei manifestanti hanno bloccato la tangenziale torinese da nord a sud. Il traffico è stato sensibilmente rallentato. “Chiediamo di riaprire prima del 1 luglio”
A cura di Gabriella Mazzeo
133 CONDIVISIONI

La tangenziale di Torino è stata invasa in mattinata dai lavoratori dei Luna Park e dei circhi. Due cortei che hanno invaso la tangenziale nelle sue corsie nord e sud. Un gruppo di manifestanti è partito da Corso Regina in direzione dell'Interporto Sito, mentre il secondo è partito da Debouché viaggiando verso nord a passo d'uomo. I camion hanno lasciato la corsia di sorpasso libera per permettere al traffico di defluire. A controllare la protesta, la polizia stradale e la Digos.

La ripartenza il 1 luglio

La categoria dei giostrai e dello spettacolo itinerante ha deciso di scendere in strada per protestare contro le linee governative che prevedono la riapertura dei Luna Park dal 1 luglio in poi. Il corteo di camion ha invaso le principali strade statali, tangenziali e autostrade italiane. Proteste anche in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Puglia e Sardegna. "Siamo la cenerentola della cultura, però ci siamo – spiega a Fanpage.it Ferdinando Uga, presidente dell'Associazione Nazionale Spettacoli Viaggianti -. Abbiamo ricevuto in questi 13 mesi dei sussidi ridicoli. Per sopravvivere, i lavoratori hanno dovuto bruciare anni ed anni di risparmi. Alla fine di questa pandemia molti non riapriranno. Chi lo farà, invece, rischia di diventare vittima degli usurai: questo è un pericolo che ho cercato di palesare più e più volte al governo".

La protesta di oggi prevedeva la presenza di 150 mezzi sulle principali strade italiane. "Se non saremo ascoltati, torneremo in strada con il doppio dei mezzi. – ha continuato Uga -. Per adesso la Regione Piemonte ha convocato una delegazione di lavoratori per il 5 maggio. Anche il Prefetto di Bologna ha chiesto ai nostri manifestanti un incontro, così come Milano. Il problema resta però centrale. Un incontro con le regioni non cambia le cose: noi abbiamo lavorato a un nuovo protocollo che il Cts e il nostro ministro Franceschini dovrebbero portare avanti. Se queste istanze non vengono approvate a livello nazionale, non possiamo ripartire. Noi chiediamo di tornare a lavorare prima del 1 luglio: le nostre attività sono costantemente controllate di tappa in tappa e si svolgono all'aperto dove i contagi sono minimi. Se possono riaprire cinema e teatri, perché non possiamo farlo noi? Il rischio calcolato deve valere per tutte le categorie".

 
133 CONDIVISIONI
Cartabellotta a Fanpage.it: "Addio mascherina nelle classi di vaccinati? È rischio non calcolato"
Cartabellotta a Fanpage.it: "Addio mascherina nelle classi di vaccinati? È rischio non calcolato"
Palazzina crollata a Torino, la mamma di Aron: "Volevo aiutarlo ma ero bloccata dai calcinacci"
Palazzina crollata a Torino, la mamma di Aron: "Volevo aiutarlo ma ero bloccata dai calcinacci"
Green pass obbligatorio, editore si ritira dal Salone del Libro di Torino per protesta
Green pass obbligatorio, editore si ritira dal Salone del Libro di Torino per protesta
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni