Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Era positivo al nuovo coronavirus e lo sapeva perché gli era stata imposta la quarantena ma lui, un ambulante italiano di Carmagnola (Torino), non è rimasto a casa e ha continuato a lavorare. L’uomo, un cinquantanovenne che ora è stato denunciato, gestisce un banco di frutta e verdura e avrebbe continuato a frequentare i mercati dove normalmente lavorava nonostante fosse positivo. I carabinieri lo hanno fermato mentre il venditore ambulante tornava da un mercato a Canale, nella provincia di Cuneo. I militari, impegnati domenica scorsa 17 maggio nei controlli del territorio, lo hanno fermato poco prima che l’uomo rientrasse a casa. Constatata la positività al Covid-19, l’ambulante di Carmagnola è stato denunciato per la violazione dell’obbligo della quarantena e rischia una denuncia anche per epidemia colposa.

Il timore è che oltre a continuare a lavorare nei mercati fuori Carmagnola, il venditore sia andato tranquillamente in giro per la città incurante delle limitazioni a cui era sottoposto. Molto difficile risalire alle persone con cui l’uomo, asintomatico, è venuto a contatto domenica e nei giorni precedenti al controllo dei carabinieri.

Il sindaco di Canale, Enrico Faccenda, ha commentato l’episodio su Facebook cercando di rasserenare i concittadini: “Per chiarezza e per evitare inutili allarmismi voglio chiarire che il commerciante di frutta positivo al Covid, originario di Carmagnola, domenica scorsa al pomeriggio si è presentato al mercato ortofrutticolo del Roero, insospettendo per il suo particolare comportamento i responsabili della struttura impegnati nelle domande di rito. L’uomo si è allontanato dopo essere stato identificato: dopo aver contattato il sindaco di Carmagnola per avere ulteriori informazioni, abbiamo segnalato i fatti ai Carabinieri che sono intervenuti. Le procedure hanno funzionato, le forze dell’ordine che ringrazio sono state molto efficienti. Mi auguro che le gravi responsabilità di questa persona vengano severamente giudicate e condannate. Per la tranquillità di tutti specifico che questa persona si è fermata pochi minuti al mercato in cui tutti portano la mascherina e dove vengono mantenute le distanze di sicurezza”.