494 CONDIVISIONI
24 Agosto 2016
15:44

Terremoto, ancora condannati a dire “Fate presto”

Terremoto in centro Italia: oltre la solidarietà, possiamo pensare che in un Paese ad altissimo rischio tellurico si debba, anzi si possa, imporre una cultura anti sismica?
494 CONDIVISIONI
mattino-fate-presto-terremoto
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe

Sono per metà irpino e la tragedia del terremoto del 23 novembre 1980 l'ho vissuta nel dopo. Nella ricostruzione eterna, nelle ruberie, negli scandali, nel dolore dei sopravvissuti che non si erano rassegnati ad aver perso tutto, le persone case e un tetto sulla testa. Il titolo «Fate presto» del Mattino, diventato poi celebre grazie a una storica serigrafia di Andy Warhol poneva l'accento sulla macchina dei soccorsi inefficiente che faticò a mettersi in moto. In Irpinia e Lucania morirono 2.914 persone. Quella strage servì ad avviare la Protezione Civile in Italia. E servì a pensare che era fondamentale costruire abitazioni antisismiche.

Lontana da me ogni forma di polemica, ma nel momento del dolore ora che si contano le vittime del terremoto in centro Italia, si fa largo una riflessione: si può ancora far altro? Oltre la solidarietà, oltre il ‘dare una mano' a chi deve ricostruire, possiamo pensare che in un Paese ad altissimo rischio tellurico si possa,  anzi si debba, imporre una cultura anti-sismica? Nell'educazione, nella costruzione, nella ricostruzione ma soprattutto nell'adeguamento degli antichi centri storici? Da troppi anni sentiamo dire le stesse frasi da sismologi e geologi. Sono le riflessioni del giorno dopo che siamo tristemente abituati a sentire. Le regole del giorno prima, quelle della prevenzione, quelle dei piani di zonizzazione, dei piani regolatori generali, di condoni e sanatorie edilizie,  invece, non le sentiamo mai.

494 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni