805 CONDIVISIONI
2 Marzo 2018
21:51

Teresa e Trifone, i fidanzati uccisi a Pordenone: perché Giosuè Ruotolo è stato condannato

Le motivazioni della sentenza: per i giudici Giosuè Ruotolo era presente nel parcheggio al momento dell’omicidio dei fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi il 17 marzo 2015. L’imputato, ex coinquilino è collega di Ragone, è stato condannato all’ergastolo con due anni di isolamento diurno.
A cura di Susanna Picone
805 CONDIVISIONI

Ergastolo con isolamento diurno per due anni. È questa la sentenza di condanna pronunciata lo scorso novembre dai giudici della Corte d'Assise del tribunale di Udine nel processo a carico di Giosuè Ruotolo, ventottenne di Somma Vesuviana (Napoli) unico imputato per il duplice omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza. Ruotolo per i giudici era presente nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone al momento dell’omicidio dei due giovani, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015. È questo quanto scrivono i giudici nelle 260 pagine di motivazione della sentenza con cui hanno condannato l’ex coinquilino e collega del militare di Adelfia (Bari) assassinato insieme alla sua fidanzata. Nelle motivazioni della sentenza si legge che “ogni diversa ricostruzione del tempo in cui Ruotolo si sarebbe mosso dal parcheggio, proposta dalla difesa, prevede velocità della vettura illogiche di per sé e incoerenti con dati di fatto inequivoci”. La presenza dell'unico imputato per il duplice omicidio di Pordonone sul luogo del delitto è uno degli indizi emersi considerati dai giudici e che “per la loro gravità, univocità e concordanza, consentono di attribuire – si legge ancora nelle motivazioni -, al di là di ogni ragionevole dubbio a Giosuè Ruotolo l'azione omicidiaria”. Per la Corte d’assise di Udine tutte le piste alternative al delitto di Teresa e Trifone sono state vagliate e sono del tutto prive di fondamento. Da parte sua Giosuè Ruotolo si è detto innocente ed estraneo alla vicenda sin dall’inizio.

L'omicidio dei fidanzati di Pordenone

Il duplice omicidio di Teresa Costanza e Trifone Ragone è avvenuto nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone la sera del 17 marzo del 2015. I due fidanzati sono stati raggiunti da diversi colpi di una Beretta 765 alla testa e sono stati trovati morti all'interno della loro auto. L’ipotesi iniziale è stata quella di un omicidio-suicidio, ma gli esami successivi hanno invece ricostruito un’altra verità. Qualche mese dopo il delitto il nome di Giosuè Ruotolo, commilitone di Trifone e suo ex coinquilino, è stato inserito nel registro degli indagati. Poi l’arresto il 7 marzo del 2016.

805 CONDIVISIONI
Uccise la compagna con 19 coltellate, condannato a 24 anni: l’accusa aveva chiesto l’ergastolo
Uccise la compagna con 19 coltellate, condannato a 24 anni: l’accusa aveva chiesto l’ergastolo
Ucciso a 5 anni dopo mesi di abusi e gettato in un fiume: condannati madre, patrigno e un 14enne
Ucciso a 5 anni dopo mesi di abusi e gettato in un fiume: condannati madre, patrigno e un 14enne
4.284 di Videonews
Davide travolto e ucciso da un agente ubriaco, l’ha trovato la fidanzata: “Si è stesa accanto a lui”
Davide travolto e ucciso da un agente ubriaco, l’ha trovato la fidanzata: “Si è stesa accanto a lui”
211 di Videonews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni