Foto archivio
in foto: Foto archivio

Una ragazza di 22 anni ha riportato una frattura scomposta della tibia e 30 giorni di prognosi per essere caduta in una "trappola" a Sant'Arcangelo di Romagna. Questa consiste nel legare una corda, servendosi di pali o alberi, ai due lati della strada: per gli automobilisti e i motociclisti che la percorrono sarebbe quasi impossibile individuare la fune. Che in questo caso è stata presa in pieno dalla ventiduenne che rincasava a bordo del suo scooter.

I carabinieri che stanno indagando sull'incidente avrebbero già identificato un gruppo di ragazzi che hanno legato la fune a dei cartelli alberi ai lati opposti della carreggiata, facendo cadere la ragazza dal suo scooter. Non è la prima volta che "bravate" di questo genere, che potrebbero facilmente finire in tragedia, vengono segnalate. Tra il gruppetto nel mirino delle forze dell'ordine ci sarebbero anche dei minorenni.

La corda generalmente viene tesa in modo da colpire il collo del motociclista. A quanto riporta Il Resto del Carlino, l'incidente è accaduto verso la mezzanotte di martedì scorso lungo la via Andrea Costa: per la ragazza è stato impossibile evitare la fune tesa a mezz'aria, che l'ha fatta cadere dal suo scooter. Fortunatamente la ragazza sarebbe rimasta cosciente ed è riuscita quindi a chiamare aiuto. I carabinieri hanno subito avviato le indagini sull'episodio, l'ultimo di una serie di atti vandalici che negli ultimi mesi hanno interessato Sant'Arcangelo. Non è chiaro però se questi siano riconducibili allo stesso gruppo di ragazzi, tra cui ci sarebbero appunto anche diversi minorenni.