1.500 CONDIVISIONI
15 Marzo 2018
13:32

“Su YouTube mi chiamano negro”: Luis, 20 anni, e il male che fa il razzismo

La testimonianza di Luis Enriquez, 20 anni: “Ad ogni video in cui mi si vede in faccia corrispondono centinaia di insulti sul colore della mia pelle. Mi chiedono: ‘Ma come mai ogni tanto compare un negro nel video?'”
A cura di Enrico Galletti
1.500 CONDIVISIONI

Ha 20 anni e vive in Italia, in Umbria, da quando ne aveva quattro. Quando sui giornali legge di episodi di razzismo scuote la testa ma non si meraviglia. Non si meraviglia più, ormai, Luis Enriquez Aracena Cabrera, un diploma all'istituto tecnico economico e la passione per l'informatica, che ha cominciato ad imparare da autodidatta quando aveva undici anni. È originario della Repubblica Dominicana ma si sente a pieno titolo italiano. Nel 2015 ha aperto un canale su YouTube, perché uno dei suoi sogni è quello di diventare videomaker. Lo ha fatto dopo aver sviluppato un videogioco da capo a fondo. "Ho voluto cimentarmi in questo mondo – racconta -, così ho cominciato a fare video di gaming e anche qualche vlog (video in cui i ragazzi raccontano la propria quotidianità, ndr)". L'inizio di una modesta popolarità, che l'ha portato a superare quota cinquantamila iscritti, è stato con l'uscita del videogioco Pokémon Go. Un suo video (quello in cui parlava dei personaggi più rari) era diventato virale e in molti avevano cominciato a seguirlo. A quel punto, però, invece che aprirsi per Luis una finestra di orgoglio e di popolarità, è iniziato un periodo difficile. "Un periodo di odio e di razzismo in cui sono caduto a piedi pari", spiega. Il ventenne, in alcuni video, metteva la faccia. Parlava di fronte alla telecamera senza paura, perché per lui (come dovrebbe essere per tutti) il colore della pelle è solo un dettaglio. Invece è diventato bersaglio degli insulti più spregevoli. Solo perché, come molti altri, seguiva una passione senza mai arrendersi.

Il suo sfogo lo affida a Fanpage.it. "Ad ogni video in cui mi si vede in faccia – racconta – corrispondono centinaia di insulti sul colore della mia pelle. È un inferno. Mi chiedono: ‘Ma come mai ogni tanto compare un negro nel video?'. All'inizio rimanevo incredulo, non riuscivo a spiegarmi il motivo di tanta cattiveria". Una cattiveria che si riversava anche nella quotidianità, quella della scuola, degli amici, delle prime relazioni. "Ero il ‘negro', quello che doveva tornarsene nel suo Paese. Poco importa se la mia vita l'ho vissuta in Italia, io non avevo diritto a un po' di serenità". Ma Luis non si è mai arreso, neanche quando hanno hackerato il suo profilo Instagram e l'hanno riempito di insulti razzisti. "Ho continuato a seguire la mia passione. Poi, un giorno, ho scelto di rimuovere la mia faccia dai video. Ma il problema non è cambiato di una virgola. Continuano a prendermi di mira. Ininterrottamente. Un ragazzo qualche ora fa mi ha scritto: ‘Cancro negro'. Qualcuno arriva a dire: ‘Che schifo, un negro che parla italiano'". Per il ventenne che vive in Umbria con la sua famiglia (sua madre e suo padre lavorano, sua sorella ha dodici anni, studia e anche lei a casa dice di essere bersaglio di insulti razzisti) le conclusioni sono amarissime. "Quelli che ricevo sono commenti spregevoli. Ma la conclusione è che forse dovrei abituarmici. Non ne farei una ragione di cattiveria, ma di un'educazione sbagliata che proviene dalle famiglie. A insultarmi, spesso, sono bambini di otto, nove anni. Questo cosa significa? Che gli insulti vengono da loro? Ognuno si dia una risposta dentro di sé". Le risposte che Luis ha smesso di darsi, quelle che vorrebbe gridare a tutti ma che non ha, mentre senza arrendersi (con 50mila seguaci su YouTube) continua a correre per raggiungere il sogno di un mondo con meno pregiudizi.

1.500 CONDIVISIONI
Parma, operaio di 20 anni muore schiacciato in un'azienda alimentare
Parma, operaio di 20 anni muore schiacciato in un'azienda alimentare
Enna, uccide la madre malata in casa, la accudiva da 20 anni: “Gesto di disperazione”
Enna, uccide la madre malata in casa, la accudiva da 20 anni: “Gesto di disperazione”
Incidente Argenta, scontro tra due auto: morte due ragazze di 20 e 21 anni
Incidente Argenta, scontro tra due auto: morte due ragazze di 20 e 21 anni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni