447 CONDIVISIONI
29 Settembre 2022
16:18

Studente scomparso e trovato morto in mare a Vasto, la famiglia di Jois Pedone: “Non si è suicidato”

I famigliari di Jois Pedone, trovato morto in mare a Vasto dopo essere scomparso, non credono al suicidio e lanciano un appello: “Chiunque abbia visto qualcosa parli”.
A cura di Chiara Ammendola
447 CONDIVISIONI
Jois Pedone
Jois Pedone

Non credono al suicidio i genitori di Jois Pedone, il ragazzo di 20 anni scomparso il 21 agosto scorso e ritrovato morto in mare a Vasto. Gli inquirenti, dopo una prima ipotesi iniziale di gesto volontario, stanno indagando per istigazione al suicidio. In Procura è stato aperto un fascicolo contro ignoti e gli elementi acquisiti finora sono pochi, per questo i famigliari del 20enne hanno lanciato un appello affinché chiunque sappia qualcosa parli.

Intervenuti durante il programma tv "Chi l'ha visto?", i parenti di Jois hanno ricostruito gli ultimi momenti del giovane che era iscritto all'Università di Parma e che lavorava di sera per mantenersi, sopratutto il periodo estivo. La sera della scomparsa, stando a quanto ricostruito finora anche attraverso il racconto della madre, è uscito dopo il turno di lavoro "per svagarsi un po'". A casa però non è mai tornato: il suo corpo è stato trovato il giorno dopo tra gli scogli sotto un trabocco a Punta Penna, con un borsone pieno di pietre a fare da zavorra attaccato alla caviglia.

“Aveva comprato il biglietto del treno per tornare a Parma, doveva fare due esami all'università e poi andare in vacanza a Barcellona con gli amici – raccontano la nonna e lo zio alla conduttrice Federica Sciarelli – questo è un ragazzo che pensa al futuro. Non è stato un gesto volontario, indotto sì, volontario no”. Secondo i famigliari l'ipotesi è che possa essere stato adescato con la scusa di un rituale per l’evoluzione spirituale, dato che lui era affascinato dal mondo della spiritualità: “Ho saputo che molti ragazzi sono attirati da questo settore della spiritualità e dell’esoterismo – ha raccontato il padre – da un anno a questa parte ha acquisito questo interesse e mi riportava le sue conoscenze”.

Il riferimento è al borsone riempito di sabbia, alla lettera “Z” visibile sul collo del ragazzo nelle ultime foto e alla maglietta nera con la scritta “benvenuto” che indossava la notte della scomparsa. Proprio quella notte, dopo essere uscito, il giovane aveva prenotato un taxi per arrivare all'1.30 a Punta Penna. Cosa sia accaduto una volta lì però non è chiaro. “La Procura ha aperto fascicolo per istigazione o aiuto al suicidio, contro ignoti”, dicono in trasmissione i legali della famiglia, gli avvocati Carmine Di Risio e Concetta Di Risio, “sono stati sequestrati computer, telefonino, tablet e quaderni del ragazzo”.

447 CONDIVISIONI
Trovato morto in fondo a una scarpata a Pescaglia, Francesco Ciabattari era scomparso da giorni
Trovato morto in fondo a una scarpata a Pescaglia, Francesco Ciabattari era scomparso da giorni
La ragazza scomparsa sulla nave potrebbe essersi suicidata dopo una delusione d’amore
La ragazza scomparsa sulla nave potrebbe essersi suicidata dopo una delusione d’amore
Leonardo morto precipitando dall'ospedale, il papà:
Leonardo morto precipitando dall'ospedale, il papà: "Restò sul tetto 30 minuti, non si è suicidato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni