195 CONDIVISIONI
6 Settembre 2021
16:12

Sospese le ricerche di Federico Lugato scomparso tra le montagne: “Mai partire da soli”

Le ricerche per ritrovare Federico Lugato sono sospese, ma la speranza è ancora viva. Oggi riunione in Prefettura per decidere come proseguire. Sui social la moglie Elena Panciera fa sapere che stanno girando notizie false e smentisce le voci di un eventuale ritrovamento del marito. Il 39enne era partito da solo per intraprendere un percorso che porta alla Baita Bivacco Angelini. Partito alle 9 del mattino, la moglie inizia a preoccuparsi dopo alcuni messaggi senza risposta inviati al marito. Alle 17 dello stesso giorno lancia l’allarme e per undici giorni, volontari e autorità hanno continuato a cercare Federico senza sosta.
195 CONDIVISIONI
Federico Lugato
Federico Lugato

"Le ricerche, dopo questi undici giorni folli, vengono sospese fino ai prossimi aggiornamenti" annuncia Elena Panciera – moglie del 39enne scomparso giovedì 26 agosto durante un’escursione nel bellunese – in una diretta sul suo profilo Instagram.  "I Vigili del Fuoco continueranno a stare a Pralongo e poi, ci sarà la riunione in Prefettura dove le autorità decideranno come proseguire", scrive.

Federico – originario di Trivignano (Venezia) ma residente a Nolo (MI) da anni – aveva scelto di percorrere l’itinerario ad anello Bivacco Baita-Angelini, un percorso che già conosceva. La mattina del 26 agosto è partito da solo . Alle 9 da Pralongo, sarebbe dovuto rientrare per pranzo. Ma alle 17, dopo diversi messaggi senza risposta, la moglie ha deciso di lanciare l'allarme.

"Mai soli in montagna: bisognerebbe partire minimo in due"

A Fanpage.it Santolin Marino, l'organizzatore C.A.I. del tragitto che porta alla Baita Bivacco Angelini dice: "Io non so se lui ha fatto il nostro itinerario. Non si dovrebbe mai andare da soli. Bisognerebbe partire minimo in due. Questo è quello che dice il Club Alpino Italiano". Dalla descrizione rilasciata dalla moglie, Federico indossava una felpa blu, una polo "sul viola" , scarponi e pantaloncini corti. Aveva anche due bacchette da walking nere e gialle, il suo cellulare, una borraccia, il suo marsupio e le chiavi. L'unica traccia lasciata da Federico è al momento la sua Renault parcheggiata a Pralongo.

"Al Bivacco Angelini c'è un libro del bivacco. Il giorno della sua scomparsa hanno trovato dieci firme. Solitamente noi, quando passiamo e troviamo un registro, mettiamo la nostra firma. Se siamo arrivati in forma privata mettiamo i nostri nomi. Diversamente si scrive il nome della struttura con cui si fa l'escursione – dice Santolin e aggiunge – Quindi adesso stanno cercando di capire chi lo ha incontrato".

Secondo l'organizzatore C.A.I, Federico potrebbe essere caduto in un burrone. "Dopo la Baita Angelini verso il lago, ci sono due sentieri: quello C.A.I e un altro non omologato. Quest'ultimo, non è nemmeno tracciato con la segnaletica bianca e rossa. Ci sono tantissime situazioni che potrebbero mettere in difficoltà le ricerche".

Elena, la moglie, non perde le speranze e ringrazia chiunque abbia partecipato per ritrovare suo marito: "Grazie a chi è fisicamente salito in montagna, a piedi o in volo. A chi ha portato i suoi cani. A chi ha messo a disposizione le sue competenze tecniche, informatiche, amministrative e istituzionali. A chi è passato per un saluto o un abbraccio. Abbiamo bisogno che la natura faccia il suo corso e di lasciare respirare la montagna".

Federico Lugato e Elena Panciera
Federico Lugato e Elena Panciera

Moltissimi sono i volontari che si sono mobilitati per trovare il 39enne. Sarebbero oltre 250 i civili che da Mestre, Belluno e Milano hanno raggiunto Val Zoldana. Con l'aiuto dei Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Polizia, Croce Rossa, Protezione Civile e Soccorso Alpino le ricerche non si sono mai fermate. Tramite social, la moglie aveva espresso la volontà di raccogliere fondi per finanziare pasti e pernottamenti di persone pronte ad aiutare. Come da lei dichiarato, le eventuali donazioni in eccesso sarebbero state donate al Soccorso Alpino.

.

195 CONDIVISIONI
Alessandro Zaniboni scomparso da 4 mesi. "Nessuno lo cerca, ma mio fratello non voleva sparire"
Alessandro Zaniboni scomparso da 4 mesi. "Nessuno lo cerca, ma mio fratello non voleva sparire"
Scomparsa Sara Pedri, la sorella: "Il suo corpo è in fondo al lago: avrei dovuto fermarla"
Scomparsa Sara Pedri, la sorella: "Il suo corpo è in fondo al lago: avrei dovuto fermarla"
Lavoro a rischio per 350 precari del Cnr, la lettera a Draghi: "Valorizzi la ricerca pubblica"
Lavoro a rischio per 350 precari del Cnr, la lettera a Draghi: "Valorizzi la ricerca pubblica"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni