L'ex senatore del Pd, Giuseppe Lumia, è indagato dalla procura di Caltanissetta con l'ipotesi di associazione a delinquere, in un procedimento-stralcio dell'inchiesta sulla rete di politici e imprenditori che avrebbe supportato Antonello Montante, imprenditore di San Cataldo già vicepresidente nazionale di Confindustria. Il fascicolo, inchiesta-ter sul cosiddetto “Sistema Montante”, è il 1684/18 e porta un numero appena superiore rispetto al 1683/18, l'inchiesta-bis, in cui sono inseriti anche l'ex presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, ex assessori del suo governo, Mariella Lo Bello e Linda Vancheri, lo stesso Montante e l'ex presidente di Sicindustria, Giuseppe Catanzaro. Per quest'ultimo troncone, che comprende complessivamente tredici persone, i pm Davide Spina e Claudia Pasciuti, del pool coordinato dal procuratore aggiunto nisseno Gabriele Paci, hanno chiuso le indagini e si apprestano a chiedere il rinvio a giudizio. Non è noto per ora l'esito del procedimento 1684/18, in cui – oltre a Lumia – sono inseriti anche gli stessi Montante, l'ex presidente della Regione Rosario Crocetta e Catanzaro, indagati per fatti diversi da quelli contemplati nell'inchiesta-bis.

Montante condannato a 14 anni e 6 mesi – Antonello Montante, nell’indagine sulla sua rete di informatori istituzionali, uomini delle forze dell'ordine, imprenditori e politici che gli avrebbero consentito di tenere al riparo dalle indagini una sorta di impero economico, è stato già condannato a 14 anni e 6 mesi in primo grado dal gup in seguito a un processo con rito abbreviato. Si profilano per lui nuove accuse di corruzione.