6.224 CONDIVISIONI
Covid 19
13 Novembre 2020
13:24

Sette mesi tra la vita e la morte a causa del Covid: ora il 56enne Ali torna finalmente a casa

Dopo sette mesi trascorsi tra la vita e la morte in ospedale, Ali Sakallioglu è guarito dal Covid-19 e ha potuto finalmente fare ritorno a casa. Aveva contratto la malattia a marzo e le sue condizioni erano peggiorate ad aprile. A causa del suo diabete di tipo 1, il virus gli ha causato l’infarto, un ictus e un grave collasso ai polmoni. Tutte e tre le volte è riuscito però a sopravvivere e ora si è ricongiunto alla sua famiglia.
A cura di Gabriella Mazzeo
6.224 CONDIVISIONI
Ali Sakallioglu (foto da Facebook)
Ali Sakallioglu (foto da Facebook)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ali Sakallioglu, tassista di 56 anni, ha trascorso 222 giorni in ospedale a causa del Coronavirus. Nel Regno Unito sono morte oltre 50.000 persone a causa del contagio e della prima politica di gestione dell'epidemia che mirava al raggiungimento dell'immunità di gregge. Lo stesso Ali ha visto tantissime persone morire durante la sua degenza e dopo un lungo periodo di ricovero è riuscito finalmente a guarire e tornare a casa. In ospedale, l'uomo ha avuto un infarto, un ictus, un grave collasso ai polmoni e sepsi. Tre volte la sua famiglia ha ricevuto la terribile chiamata dei medici che davano ad Ali poche chance di sopravvivere, eppure ce l'ha fatta tutte le volte. 

Adesso è tornato nella sua abitazione di Londra dove i familiari lo stavano aspettando per una festa. "Possiamo combattere il Covid insieme – ha dichiarato il tassista-. La Gran Bretagna può farcela". Subito dopo ha esortato le persone a rispettare le restrizioni imposte dal governo, in modo da poter "mandare a casa questo virus in taxi". Ali, che ha il diabete di tipo 1, ha sviluppato i sintomi del Covid a fine marzo. Subito si è isolato, istruito dall'111. Quando i sintomi sono peggiorati a inizio aprile, è stato ricoverato in ospedale e gli è stato assegnato un ventilatore per tenerlo in vita.

Le complicazioni per lui, però, erano appena iniziate. Dopo l'infarto, è stato trasferito al King's College Hospital per un intervento chirurgico. Lì ha trascorso tre mesi in coma indotto ed è poi stato trasferito in una casa di cura per la riabilitazione. Ha dovuto infatti riprendere a camminare e il suo è stato un percorso che descrive come durissimo. Adesso però spera di poter tornare a lavorare come tassista e si fa portavoce della necessità di seguire in Inghilterra tutte le disposizioni necessarie per evitare il contagio.

6.224 CONDIVISIONI
29681 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni