23 Gennaio 2023
10:38

Sequestrati al porto di Genova macchinari per fabbricare armi diretti in Etiopia

Sono tre le persone indagate dalla guardia di finanza dopo il sequestro dei macchinari per la fabbricazione di bossoli rinvenuti al porto di Genova. Le macchine del valore di 3 milioni di euro erano dirette in Etiopia.
A cura di Chiara Ammendola
Il materiale sequestrato al porto di Genova
Il materiale sequestrato al porto di Genova

Erano diretti in Etiopia i macchinari sequestrati questa mattina al porto di Genova dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Genova e dai funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Genova 1. Si tratta di macchina adibite alla fabbricazione di materiale d’armamento, nel dettaglio bossoli, del valore di oltre tre milioni di euro che, in assenza delle necessarie autorizzazioni, avrebbero raggiunto il paese africano.

Le indagini sono iniziate nel mese di ottobre scorso quando, all’interno di due container giunti negli spazi doganali del porto di Genova destinati all'esportazione verso l’Etiopia, è stata scoperta la presenza di una macchina “scanalatrice” e di una “rifilatrice” corredate da manuali d’uso e istruzioni per la produzione di bossoli.

Di fatto l’esportatore, una società con sede a Lecco, aveva dichiarato al suo interno la presenza generica di un “tornio parallelo” e di “macchine per la formatura a caldo”, senza alcun riferimento alla fabbricazione di materiali di armamento.

Tre le persone indagate, accusate di “esportazione di materiali di armamento senza la prescritta autorizzazione” e di “falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico”. Intanto i macchinari per la produzione di materiale di armamento sono stati sottoposti a sequestro, su disposizione della Procura della Repubblica di Genova.

Il 7 ottobre 2021, come evidenzia anche la guardia di finanza nel comunicato, il Parlamento Europeo ha adottato una Risoluzione che invita gli Stati dell'Unione Europea a bloccare l’esportazione di armi verso l’Etiopia, a causa di una grave crisi umanitaria nella regione del Tigray, dove sono in corso guerre con ingenti perdite di civili e violazioni di diritti umani.

Sequestrate armi da fuoco durante la perquisizione a carico dei leader No vax dei 'Guerrieri ViVi'
Sequestrate armi da fuoco durante la perquisizione a carico dei leader No vax dei 'Guerrieri ViVi'
828 di MatSpa
Conte dice che siamo a un passo dall'entrare in guerra:
Conte dice che siamo a un passo dall'entrare in guerra: "Invio di armi è preludio a quello di uomini"
A Pomigliano d'Arco blitz dei carabinieri nell'ex 219: trovate armi e droga
A Pomigliano d'Arco blitz dei carabinieri nell'ex 219: trovate armi e droga
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni