300 CONDIVISIONI
Diritti LGBTQI+
8 Luglio 2021
15:27

San Teodoro, aggressione transfobica contro l’ex poliziotta Carla Baffi sull’uscio di casa

Aggressione transfobica ai danni di Carla Baffi, 55enne sarda ex poliziotto che nel 2013 ha perso in un alluvione la compagna e la figlia piccola. La donna è stata raggiunta nei pressi della sua abitazione e aggredita sulla porta di casa con insulti e spintoni. La Baffi ha denunciato l’accaduto ai carabinieri.
A cura di Gabriella Mazzeo
300 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Diritti LGBTQI+

Insultata sulla porta di casa e aggredita fisicamente sull'uscio. Alle 7 di questa mattina un uomo si è presentato alla porta dell'abitazione di Carla Baffi a San Teodoro. La donna, che in passato si è sottoposta a un percorso di transizione, ha abbandonato da anni il suo lavoro di poliziotto. A raccontare la sua storia per primo il quotidiano La Nuova Sardegna che ha seguito da vicino il percorso il percorso di transizione attraversato dall'ex poliziotta.

"Questa aggressione mi ha molto spaventata – racconta la Baffi a La Nuova Sardegna che l'ha nuovamente intervistata -. Quest'uomo mi ha apostrofato con frasi transfobiche e parolacce, mi ha detto di tenere la "puzza da transessuale su di me e di non spargerla sugli altri". L'aggressore ha tentato di sfondare la porta dell'abitazione della 55enne a calci. Secondo quanto raccontato dalla donna, l'uomo abitava nello stesso quartiere di San Teodoro e l'aveva incontrata alcune volte per strada senza però mai rivolgerle la parola. Dopo l'aggressione nelle prime ore della mattina, la donna ha chiesto aiuto ai carabinieri raccontando la triste vicenda.

L'alluvione in Sardegna e il percorso di transizione

La storia di Carla Baffi è associata a una tragedia collettiva che ha colpito la Sardegna nel novembre del 2013 con centinaia di morti e feriti. In seguito all'alluvione causata dal ciclone Cleopatra, la Baffi ha perso la compagna Patrizia e la figlia piccola Morgana. Nel 2013 la donna non aveva ancora intrapreso il suo percorso di transizione e la morte della sua bambina e della compagna l'aveva gettata in una profonda disperazione. "Pensavo che la mia vita fosse finita – ha raccontato -. Volevo farla finita, ma una persona mi ha convinta ad andare avanti. Senza di lei io non avrei trovato la forza per riprendere in mano la mia vita".

300 CONDIVISIONI
Diritti LGBTQI+
11 contenuti su questa storia
Padova, due donne si separano dopo aver avuto un figlio: il bimbo adottato dalla madre non biologica
Padova, due donne si separano dopo aver avuto un figlio: il bimbo adottato dalla madre non biologica
Torino, ragazza transgender picchiata su un treno regionale: indaga la Polizia
Torino, ragazza transgender picchiata su un treno regionale: indaga la Polizia
Palermo, picchiati perché si tenevano per mano: tra gli aggressori della coppia gay anche due ragazze
Palermo, picchiati perché si tenevano per mano: tra gli aggressori della coppia gay anche due ragazze
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni