213 CONDIVISIONI
Coronavirus
15 Giugno 2021
11:48

Quanto è diffusa in Italia la variante Delta

Secondo l’ultimo monitoraggio ufficiale dell’Iss, la variante delta in Italia si è attestata intorno a una percentuale dell’1% alla fine di maggio a livello nazionale. Si tratta di numeri esigui che però vanno letti nel contesto di una scarsa capacità del nostro sistema di sequenziare i tamponi positivi.
A cura di Antonio Palma
213 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nel mondo la variante delta del coronavirus B.1.167.1 e B.1.167.2 preoccupa sempre di più gli esperti a causa della sua diffusione sempre maggiore e della contagiosità più elevata rispetto alle precedenti mutazioni del virus. Secondo gli ultimi dati è già presente in oltre 70 Paesi e si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. La sua presenza è già sta segnalata da tempo in Italia dove però dia dati ufficiali per il momento non sembra aver soppiantato la variante inglese che resta predominante. Secondo l’ultimo monitoraggio ufficiale dell’Iss, infatti, la variante delta in Italia si era attestata intorno a una percentuale dell’1% alla fine di maggio a livello nazionale.

Stando ai dati del sequenziamento eseguito sui campioni prelevati il 18 maggio sulle prime infezioni non follow-up confermate con tampone molecolare, la variante delta è stata segnalata con un range tra lo 0 e il 3,4 per cento. L’incidenza più elevata riscontrata nel Lazio, Sardegna e Lombardia. Da segnalare però che gran parte dei casi di varianti cosiddette indiane sono state indentificati in soggetti che non avevano avuto contatti noti con persone provenienti dall’estero sintomo che la variante circola già sul territorio.

Si tratta di numeri esigui che però vanno letti nel contesto di una scarsa capacità del nostro sistema di sequenziare i tamponi positivi e che sicuramente in queste ultime settimane sono cambiati. In Lombardia sono 81 i casi di variante delta finora rilevate di cui 70 nel mese di maggio e 9 al 14 giugno. In questo mese di giugno si registra quindi una tendenza in calo rispetto a maggio anche per la percentuale della variante Delta sul totale delle genotipizzazione, che è stata dell'1,20% in maggio e finora dell'1,15% a giugno. La Puglia, che aveva fatto registrare una percentuale di variante delta dell’1,1% a maggio ha segnalato 25 casi di variante nelle ultime settimane, anche nessuno aveva fatto viaggi all’estero o aveva avuto rapporti con persone provenienti dall’India.

213 CONDIVISIONI
26094 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni