432 CONDIVISIONI
L'omicidio di Roberta Ragusa
12 Luglio 2019
18:21

Quando Roberta Ragusa disse all’amica: “Sara Calzolaio è incinta di 2 mesi”

“Mi disse di essere preoccupata perché Sara Calzolaio era al secondo mese di gravidanza”. A parlare è un’amica di Roberta Ragusa alla quale la donna aveva raccontato con naturalezza di dover cercare una sostituta che l’avrebbe aiutata al posto di Sara nella gestione dell’autoscuola. La testimonianza è stata ricordata da Chi l’ha visto nel servizio di ricostruzione sulla sentenza definitiva a carico di Antonio Logli.
A cura di Angela Marino
432 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Roberta Ragusa

Il 3 gennaio 2012, dieci giorni prima che sparisse per sempre, Roberta Ragusa aveva confidato all'amica Simona di essere "preoccupata perché Sara Calzolaio è al secondo mese di gravidanza". Roberta, naturalmente, non era conoscenza del fatto che Sara fosse l'amante del marito, Antonio Logli, e ne parlava all'amica solo per spiegarle che si trovava nella "necessità di reperire una sostituta per la gestione dell’autoscuola". È quanto ha ricordato Chi l'ha visto? nel servizio di ricostruzione del caso andato in onda mercoledì 10 luglio in attesa della sentenza di Cassazione che ha confermato definitivamente i vent'anni di carcere per Antonio Logli. Omicidio e distruzione di cadavere, i reati ascrittigli.

L'ultima telefonata

Il servizio ha ripercorso tutti i passi della vicenda, soffermandosi, in particolare, sull'ultima notte di Roberta, quando Antonio Logli, come avrebbero mostrato i tabulati, era al telefono con l'amante Sara. Quella telefonata durò poco più di 40 minuti, e, ipotizza il servizio, forse potrebbe essere stata scoperta dalla stessa Roberta, che, se così fosse stato, ‘ne sarebbe rimasta certo sconvolta', avendo capito, alla luce di quanto Sara le aveva detto del suo stato, che suo marito aveva una relazione con lei.

La gravidanza che non c'è mai stata

Di tale circostanza resta, dopo sette anni, la testimonianza dell'amica di Roberta ai carabinieri e citata dal servizio. "Le chiesi se Sara fosse fidanzata  – racconta Simona – e (Roberta) mi rispose di non saperlo". La gravidanza di cui si parla, come tutti sanno, non è mai avvenuta e Sara si è trasferita a casa Logli un anno dopo la scomparsa di Roberta. Antonio Logli oggi  è rinchiuso nel carcere "Sughere" di Livorno, dove sconta la pena dopo essere stato riconosciuto colpevole di omicidio e distruzione di cadavere della moglie Roberta.

432 CONDIVISIONI
152 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni