852 CONDIVISIONI
Elena Ceste: storia di un omicidio premeditato
17 Maggio 2018
10:52

Caso Elena Ceste. Cassazione rigetta ricorso del marito: confermata condanna a 30 anni

La Suprema Corte conferma la sentenza di condanna a 30 anni di carcere emessa in appello a carico del vigile del fuoco, Michele Buoninconti. L’ex pompiere di Costigliole d’Asti avrebbe ucciso la moglie Elena Ceste e gettato il cadavere in un canale.
A cura di Angela Marino
852 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elena Ceste: storia di un omicidio premeditato

Si è decisa la sorte di Michele Buoninconti, dal 2015 in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie Elena Ceste, villetta a Costigliole d'Asti, in Piemonte, la mattina del 24 gennaio 2014. La Corte di Cassazione ha confermato la condanna a trent'anni di carcere, già emessa in primo e secondo grado di giudizio. Il corpo della giovane mamma fu ritrovato a circa un chilometro da casa solo nove mesi dopo la scomparsa, durante i lavori di bonifica del rio Mersa.

Michele Buoninconti si è sempre dichiarato innocente, sostenendo che sua moglie Elena, all'epoca 37 anni, quattro figli, si sarebbe allontanata volontariamente da casa in preda a una sorta di delirio, nuda, senza documenti né cellulare. Secondo quanto ricostruito dalla prima sentenza di condanna, Michele avrebbe ucciso sua moglie la mattina del 24 gennaio. Dopo aver accompagnato i figli a scuola sarebbe rientrato a casa sorprendendo la moglie mentre era intenta a prepararsi per la doccia (quindi nuda). Dopo averla uccisa ne avrebbe trasportato il corpo in auto al vicino canale del Rio Mersa, dove è stato ritrovato.

Il verdetto si basa sugli elementi di prova trovati all'interno dell'auto del vigile del fuoco e sulle testimonianze. Movente del delitto sarebbe stato l'allontanamento emotivo di Elena dal marito, un distacco che avrebbe scatenato il risentimento del 44enne e la paura di perdere il proprio mondo: i quattro figli, le apparenze sociali e la casa (intestata a Elena). Alla base, dunque quella che l'accusa definisce "sete di dominio e un malsano senso dell’onore”.

Dopo la sua incarcerazione Michele Buoninconti ha intrapreso una corrispondenza con diverse donne, una delle quali è stata recentemente denunciata per stalking dai legali che rappresentato i figli, come parte civile. La donna avrebbe esercitato pressioni sulla figlia maggiore di Michele ed Elena per indurla a dare del padre un'immagine positiva agli occhi dei magistrati e dell'opinione pubblica.

852 CONDIVISIONI
Omicidio Elena Ceste, al via esami genetici sui 5 campioni potrebbero ribaltare il caso
Omicidio Elena Ceste, al via esami genetici sui 5 campioni potrebbero ribaltare il caso
Caso Ceste, il marito chiede la revisione del processo: "Elena morta di freddo"
Caso Ceste, il marito chiede la revisione del processo: "Elena morta di freddo"
Omicidio Elena Ceste, Buoninconti sta per chiedere la revisione del processo
Omicidio Elena Ceste, Buoninconti sta per chiedere la revisione del processo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni