Le previsioni meteo di domani 10 febbraio mostrano uno dei più potenti cicloni degli ultimi anni in transito sul nord Europa. La tempesta è stata soprannominata Ciara dall'università di Berlino ed i suoi venti stanno mettendo in ginocchio Gran Bretagna e Scandinavia con conseguenze anche più a sud: alluvioni lampo, mareggiate sulle coste francesi e Baltiche e bufere di neve dopo il suo passaggio. Sull'Italia si attiveranno venti di Libeccio che porteranno molte nubi e rovesci di pioggia.

Previsioni meteo 10 febbraio

Le previsioni meteo di lunedì 10 febbraio vedono molte nubi al mattino al Nord, sul medio versante tirrenico, in Sardegna e Campania con acquazzoni su levante ligure, alta Toscana e Friuli Venezia Giulia. Le piogge, anche se deboli ed intermittenti, bagneranno anche Umbria, Lazio e Campania, con nevicate in Appennino al di sopra dei 1600 metri. Nel pomeriggio situazione invariata sul settore tirrenico, mentre le nubi si diraderanno al Nord.

Previsioni meteo per domani 10 febbraio
in foto: Previsioni meteo per domani 10 febbraio

Previsioni meteo domani, pioggia al Nord e medio Tirreno

Le previsioni meteo per lunedì 10 febbraio in Italia saranno condizionate dal passaggio del ciclone Ciara sull'Europa del nord. Non ci sono allerte meteo per il nostro Paese, ma si attiveranno forti venti di Libeccio sul Mar Ligure che determineranno un peggioramendo delle condizioni del tempo su Liguria, Toscana, Lazio, Umbria e Campania. Al Nord la regione maggiormente penalizzata sarà il Friuli Venezia Giulia con piogge al mattino, ma le nubi interesseranno tutto il Settentrione.

Previsioni meteo martedì, il vento spazzerà via le nuvole

Le previsioni meteo per martedì 11 febbraio vedono il ciclone Ciara avanzare rapidamente verso la Scandinavia dove provocherà violente tempeste e bufere di neve. Sul nostro Paese continuerà a soffiare il Libeccio che trasportera le nuvole in direzione dei Balcani, lasciando spazio a chiarite sulle nostre regioni. Gli unici addensamenti nuvolosi li troveremo nelle zone di confine dell'arco alpino, sul basso Tirreno e in Appennino, ma con poche piogge.