Possibile presenza di Listeria monocytogenes. Questo il motivo che ha indotto il ministero della Salute a diffondere nell’apposita sezione sul proprio sito web un avviso di richiamo degli “Sfilacci di cavallo” commercializzati dall’azienda “NABA CARNI SPA”.  Il prodotto interessato è venduto in buste da 100 grammi con il numero di lotto 93543 e la data di scadenza 31/01/2020. Gli sfilacci di equino richiamati sono stati prodotti per Naba Carni Spa da Europe Meat International Srl, nello stabilimento di via Roma 13, a Resana, in provincia di Treviso (marchio di identificazione IT 2027S CE). A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare gli sfilacci equini con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto. Ovviamente (in attesa degli approfondimenti sul lotto indicato) va specificato che gli altri lotti dello stesso prodotto e gli altri prodotti dell’azienda non presentano alcun tipo di problema nemmeno potenziale.

La listeriosi può provocare nausea, vomito e diarrea, ma anche infezioni più gravi, come la meningite. Si tratta di un’infezione che si trasmette per via alimentare e può essere pericoloso soprattutto per le persone con basse difese immunitarie come bambini ed anziani. L’avviso di richiamo del lotto è stato pubblicato sul portale del ministero della Salute.

Non è il primo prodotto richiamato dal Ministero della Salute per una possibile contaminazione da Listeria. Solo nel mese di ottobre gli avvisi hanno riguardato un lotto del “Gorgonzola e Mascarpone Duetto” marchio Emilio Mauri Spa, un salame prodotto dall’azienda “Nativa 2018 Srl”, un lotto di mortadella confezionata, venduta nei supermercati Conad, e alcuni prodotti della Wilke Waldecker Fleisch- und Wurstwaren GmbH & Co. KG, marchio di identità "DE EV 203 EG".