1.031 CONDIVISIONI
24 Maggio 2019
18:16

Prato, la sosta selvaggia del candidato del centrodestra continua, ma nessun vigile lo multa

Il candidato per il centrodestra di Prato Daniele Spada ha commesso, con il suo “camper elettorale”, una serie di infrazioni del codice della strada molto gravi, per un totale di almeno 500 euro di multa non pagati al proprio Comune. Sarebbe un buon segno di scuse se quei soldi fossero devoluti in beneficenza.
1.031 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La stanza di Iacopo

La vicenda del candidato sindaco a Prato per il centrodestra, Daniele Spada, ha del tragicomico. Dopo che avevamo raccontato della sosta del suo “camper elettorale” su un posto riservato ai disabili (e le sue conseguenti mancate scuse, con annessa giustificazione “era solo un minuto”), i suoi concittadini ci hanno sommersi di foto che raffiguravano lo stesso camper in ogni sosta possibile, ovviamente non a norma!

Si tratta di una sorta di rivolta popolare basata sull’ironia (per non piangere…) per dimostrare che no, non “era solo un minuto”, ma un vizietto frutto di distrazione, negligenza e superficialità (perché “maleducazione” e “inciviltà” sono parole che non ci sentiamo di attribuirgli necessariamente). E se il buongiorno si vede dal mattino, c'è da dire che l'aspirante sindaco ne ha di strada da fare su quel camper per dare il buon esempio e recuperare credibilità.

Oggi però vogliamo tirare due somme: ecco quanto il candidato Spada avrebbe dovuto pagare se fosse stato multato per le infrazioni più clamorose che ci sono arrivate (senza contare che molti ci hanno scritto di averne viste altre ancora ma, purtroppo, di non aver avuto la prontezza di immortalare i fattacci).

Sosta senza contrassegno su parcheggio disabili: è prevista una multa che va da un minimo di 84 euro fino ad un massimo di 335 euro per tutti gli automobilisti che parcheggiano la propria autovettura in un posto disabili senza esporre il contrassegno rilasciato dal Comune.

Sosta in doppia fila: secondo l'articolo 158 del CdS, il costo della multa per sosta in doppia fila o in divieto di sosta semplice va da 41 a 169 euro (per ciclomotori o motoveicoli a due ruote, invece, va dai 24 ai 97 euro).

Sosta su marciapiede: è prevista una multa che va da un minimo di 84 euro fino ad un massimo di 335 euro (se invece si tratta di un ciclomotore o di un motociclo, la multa compresa è tra i 40 euro e i 163 euro).

Sosta su passaggio pedonale: è prevista una multa pari a 84 euro.

Quest'ultima foto ci è arrivata questa mattina ed è stata scattata in via di Baciacavallo a Paperino, una frazione del Comune di Prato, e come potete vedere il camper dell'aspirante Sindaco, con tanto di slogan "Riportiamo il sorriso a Prato" sulla fiancata, occupa più di un parcheggio essendosi messo in maniera trasversale: la multa? Non ha prezzo!

Tirando dunque le somme, calcolando soltanto le prime quattro infrazioni pubblicate (delle tante che i cittadini pratesi hanno segnalato), possiamo dire che Daniele Spada (che ricordiamo essere candidato a Sindaco a Prato nella lista del centrodestra) avrebbe dovuto pagare una multa pari a 500 euro circa (con calcolo approssimativo, facendo la media delle sanzioni previste).

Noi di Fanpage lanciamo quindi una proposta: caro aspirante Sindaco, perché anziché trovare l'ennesima scusa di "era solo un minuto" non dà il buon esempio ai suoi concittadini? Oltre ad ammettere l'errore e prendersi le responsabilità per non aver sorvegliato abbastanza l'operato dei suoi colleghi, potrebbe devolvere in beneficenza la somma di 500 euro che non ha dato al suo Comune pagando le multe che le sarebbero spettate. Crediamo che sarebbe un ottimo modo per riportare davvero il sorriso a Prato, non solo con gli slogan.

1.031 CONDIVISIONI
Laureato in Scienze Politiche (curriculum in "comunicazione, media e giornalismo"). Racconta le storie degli altri come giornalista, scrittore e attivista per i diritti umani e civili. Vincitore del Premio "Cittadino Europeo" nel 2017, è stato nominato "Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana" da Sergio Mattarella nel 2018.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La stanza di Iacopo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni