Ha rischiato di morire annegato dopo essere andato a fare una passeggiata in acqua indossando una mascherina Ffp2. È successo questa mattina intorno alle 9 e 30 a Pescara, dove un bagnante ha rischiato la vita mentre camminava a pochi metri dal bagnasciuga: non si era tolto il dispositivo di protezione individuale neanche per entrare in acqua e dopo essere caduto, quando la mascherina si è bagnata, ha rischiato seriamente di soffocare.

L'episodio è avvenuto fra gli stabilimenti Jumbo e Nettuno sulla riviera nord dove i bagnini Mattia Fracassi e Luigi Del Gaudio della Compagnia del mare – Lifeguard hanno soccorso il 76enne portandolo a riva. L'anziano non ha riportato conseguenze gravi, fortunatamente, ma solo un grande spavento.

Come racconta Christian Di Santo, presidente della Compagnia del Mare, i due bagnini, che stavano come sempre controllando il tratto di mare antistante gli stabilimenti balneari, hanno visto un anziano cadere in acqua mentre passeggiava a poca distanza dalla riva indossando una mascherina Ffp2, che a contatto con l'acqua si è "intasata" rendendo impossibile la respirazione dell'uomo. A quel punto Mattia Fracassi e Luigi Del Gaudio sono intervenuti in suo aiuto, accompagnandolo a riva. A quanto pare l'anziano sarebbe caduto a causa di un colpo di sole che l'avrebbe fatto svenire: malgrado in quel tratto l'acqua gli arrivasse appena alle ginocchia è stata sufficiente per complicare ulteriormente la situazione.

Dopo essere stato riaccompagnato a riva il 76enne è stato visitato dal personale del 118. Dopo essersi ristabilito è tornato a casa rifiutando il trasporto in ospedale.