126 CONDIVISIONI
18 Dicembre 2017
19:31

Parma, i danni dopo l’alluvione: “Abbiamo perso tutto, nessuno ci ha aiutato”

La famiglia Curcetti, di Colorno, mostra a Fanpage.it ciò che è rimasto della sua casa. Il fango ha invaso ogni stanza. “I ricordi di una vita non torneranno più”. E i familiari protestano: “Siamo soli e abbandonati. I vigili passano e non si fermano. Siamo disperati”.
A cura di Enrico Galletti
126 CONDIVISIONI

"Abbiamo perso tutto". Lo dice trattenendo a forza le lacrime Lina Curcetti, una donna residente a Colorno, in provincia di Parma, mentre osserva ciò che è rimasto della sua casa, una bifamiliare che dopo l'alluvione di martedì scorso è stata completamente distrutta. Il fango ha riempito l'abitazione, andando a invadere ogni stanza del piano terra e del cortile. Una parete delle scale si è aperta, creando una grossa voragine e destando la preoccupazione di tutti i familiari che martedì scorso si trovavano in casa. E non c'è più alcuna traccia della cucina e del soggiorno, che sono tuttora pieni di acqua e fango. Il grido disperato di Curcetti si unisce a quello della sua famiglia ed è condiviso anche da alcuni abitanti del Parmense e del Reggiano, che a stento riescono a dimenticare quelle incredibili immagini del fiume in piena che in qualche modo sono destinate a passare alla storia. L'acqua, una settimana fa, era riuscita a entrare persino nella Reggia di Colorno. "Ci sentiamo abbandonati – racconta la famiglia di Colorno -. I vigili del fuoco passano di qui e non si fermano nemmeno. Mio padre, quella casa, l'ha costruita con i sacrifici di una vita. E ora si trova quasi a doverla buttare giù".

"La nostra casa, a una settimana dall'alluvione, è ancora inagibile", racconta Lina. "Abbiamo perso ogni cosa, dalle stanze in cui abitavamo ai ricordi di una vita. Appesa al muro di una stanza c'era una grossa bacheca con tutti i ritagli degli articoli di giornale dedicati a papà. E martedì scorso si è infranta ogni speranza di conservare quelle memorie". La famiglia Curcetti, che a distanza di sei giorni dal violento nubifragio ci ha aperto le porte di casa sua, fa una riflessione. "Per provare a salvare la nostra casa sarebbe stato sufficiente essere avvisati qualche ora prima. Avremmo subito adottato delle strategie per salvare il salvabile. Invece l'allerta meteo è arrivata con una sola ora di anticipo". A quel punto, però, era troppo tardi. "Eravamo già ricoperti di fango – conclude Curcetti -. Avevamo già perso ogni cosa, persino la speranza di ricominciare".

126 CONDIVISIONI
Bologna, uomo si cosparge di benzina e si dà fuoco: aveva perso il lavoro
Bologna, uomo si cosparge di benzina e si dà fuoco: aveva perso il lavoro
Maltempo in Canada, piogge torrenziali sommergono la British Columbia
Maltempo in Canada, piogge torrenziali sommergono la British Columbia
455 di Viral News
Celestino, l'eroe dell'alluvione di Catania, incontra la donna che ha salvato: "Grazie, per sempre"
Celestino, l'eroe dell'alluvione di Catania, incontra la donna che ha salvato: "Grazie, per sempre"
438.420 di Francesco Bunetto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni