67 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Papa Francesco a Verona: dalla basilica all’Arena fino al carcere. Ai detenuti: “Mi state facendo bene”

La visita di Papa Francesco a Verona “per la pace e la giustizia”. “L’individualismo è la radice delle dittature” dice. Poi abbraccia un palestinese e un israeliano che hanno perso parenti in guerra.
A cura di Biagio Chiariello
67 CONDIVISIONI
Immagine

Prima l'atterraggio nel piazzale adiacente allo stadio Bentegodi, poi verso la Basilica di San Zeno per l'incontro con i sacerdoti e i consacrati. Poi quello con i bambini e i ragazzi, prima di andare all'Arena di Verona per l'evento "Arena di Pace – Giustizia e Pace si baceranno". Infine la visita ai detenuti nel carcere Montorio. Papa Francesco oggi è a Verona per una visita pastorale nel nome della giustizia e della pace.

Papa Francesco a Verona, prima tappa alla basilica di San Zeno

"C'è il rischio che il male diventi normale. È un rischio questo. Il male non è normale. Non deve essere normale. Nell'inferno sì, ma qui no. Il male non può essere normale e che facciamo l'abitudine delle cose brutte, e così diventiamo complici", le parole del Pontefice nella Basilica di San Zeno durante l'incontro con i sacerdoti e i consacrati.

"No al carrierismo e alla promozione di noi stessi", con Bergoglio ha evidenziato il rischio "di vivere anche l'apostolato nella logica della promozione di noi stessi e della ricerca del consenso, anche di fare carriera: è bruttissimo; invece che spendere la vita per il Vangelo e per un servizio gratuito alla Chiesa". "È Lui che ha scelto noi : se ricordiamo questo, anche quando avvertiamo il peso della stanchezza e di qualche delusione, rimaniamo sereni e fiduciosi, certi che Lui non ci lascerà a mani vuote. Ci farà aspettare ma mai a mani vuote", ha osservato Francesco.

L’elicottero con a bordo il Pontefice era partito alle 6.30 dall'eliporto del Vaticano ed è atterrato intorno alle 8 nel piazzale antistante lo Stadio Bentegodi della città veneta. Ad accoglierlo il vescovo Domenico Pompili, il presidente del Veneto Luca Zaia, il sindaco Damiano Tommasi e il presidente della Camera Lorenzo Fontana.

Il Pontefice all'Arena di Verona

"La cultura fortemente marcata dall'individualismo rischia sempre di far sparire la dimensione della comunità, dei legami vitali che ci sostengono e ci fanno avanzare". Lo ha detto Bergoglio nel secondo incontro all'Arena di Verona. "Chi ricopre un ruolo di responsabilità in un'istituzione politica, oppure in un'impresa o in una realtà di impegno sociale, rischia di sentirsi investito del compito di salvare gli altri come se fosse un eroe. Questo avvelena l’autorità", ha aggiunto. E sul tema dei conflitti: "Per porre fine alle guerre bisogna stare dalla parte dei piccoli".

Durante l'incontro, il Santo Padre ha abbracciato un palestinese e un israeliano che hanno perso parenti a causa della guerra in Mediorente.

L'incontro coi detenuti al carcere di Montorio

Poi Papa Francesco è arrivato al carcere di Montorio, accolto dagli applausi e canti dei detenuti e del personale della casa circondariale. Sul campo sportivo dell'istituto sono stati allestiti i posti a sedere ed il palco dal quale Francesco ha tenuto suo discorso di saluto.

La direttrice del carcere Francesca Gioieni: "Non ci sono parole sufficienti per ringraziarla del tempo che passa con noi. Testimoniare grazie a lei la vita che scorre attraverso queste mura. Cerchiamo ogni giorno di non essere un luogo abitato da carcerieri e carcerati. Cerchiamo di tendere ogni giorno una mano".

Bergoglio ha fatto un riferimento diretto ai suicidi avvenuti nel carcere di Montorio: "Seguendo le cronache del vostro istituto, con dolore ho appreso che purtroppo qui, recentemente, alcune persone, in un gesto estremo, hanno rinunciato a vivere. È un atto terribile, questo, a cui solo una
disperazione e un dolore insostenibili possono portare. Perciò, mentre mi unisco nella preghiera alle famiglie e a tutti voi, voglio invitarvi a non cedere allo sconforto. La vita è sempre degna di essere vissuta, e c’è sempre speranza per il futuro, anche quando tutto sembra spegnersi".

67 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views