137 CONDIVISIONI
26 Agosto 2021
08:42

Palermo, i parenti non accettano la sua relazione con il compagno: coppia picchiata in pizzeria

Un ragazzo di 26 anni e una giovane di 24 sono stati aggrediti e picchiati da alcuni parenti di lei all’interno di una pizzeria. I familiari della ragazza non approvavano la sua nuova relazione con il 26enne, titolare di un locale di Palermo. L’episodio è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza a circuito chiuso.
A cura di Gabriella Mazzeo
137 CONDIVISIONI

Il padre e il fratello non apprezzavano la sua relazione con il 26enne titolare di una pizzeria di Palermo e così le hanno teso un agguato mentre si trovava con il compagno nei pressi del locale. La ragazza e il suo fidanzato Alessandro sono stati picchiati brutalmente dal padre e dal fratello di lei. I due, poche ore prima dell'aggressione, avevano preannunciato che quel giorno il 26enne "l'avrebbe pagata" e che "doveva stare attento". Parole alle quali il ragazzo non ha dato troppo peso, abituato alle rimostranze da parte dei familiari della fidanzata 24enne.

I due uomini però si sono presentati nella sua pizzeria e appena entrati si sono scagliati contro di lui, picchiandolo selvaggiamente con delle sedie. L'aggressione è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza a circuito chiuso. La ragazza ha subito provato a difendere Alessandro, rimediando anche lei graffi ed ematomi nella colluttazione. I due hanno però atterrato il titolare della pizzeria, colpendolo per altri due minuti con calci e pugni su tutto il corpo. A cercare di dividerli anche alcuni clienti del locale che si trovavano all'esterno. "Ci hanno provato, ma non hanno potuto fare nulla. La furia era tanta che sono rimasti spiazzati" spiega la vittima a Palermo Today.

Sul posto sono poi intervenute le volanti della polizia e i sanitari del 118 che hanno accompagnato la coppia al pronto soccorso di Villa Sofia. I due ragazzi sono stati dimessi con una prognosi di 15 e 10 giorni. Usciti dall'ospedale sono andati in commissariato a denunciare l'accaduto, consegnando le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza. "Non accettano la nostra relazione – racconta il ragazzo – e per questo, mentre andavano via, ci hanno pure minacciato. Accusano la mia fidanzata di aver rovinato la loro famiglia. Non si può arrivare a tanto. La violenza non può essere una soluzione".

137 CONDIVISIONI
Perse feto in ospedale, la Cassazione: "Ok risarcimento. Danno è sofferenza, non perdita relazione"
Perse feto in ospedale, la Cassazione: "Ok risarcimento. Danno è sofferenza, non perdita relazione"
Bologna, scoperte quasi 100 piante di marijuana a casa di due pensionati
Bologna, scoperte quasi 100 piante di marijuana a casa di due pensionati
Assalto CGIL, arrestato leader di Forza Nuova Palermo: incastrato da un selfie davanti al sindacato
Assalto CGIL, arrestato leader di Forza Nuova Palermo: incastrato da un selfie davanti al sindacato
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni