21.795 CONDIVISIONI
1 Marzo 2021
10:10

Padre di una ragazzina transgender, le “dona” una linea di costumi per andare in spiaggia

Jamie Alexander è il padre di Ruby, una ragazzina transgender che ha iniziato a 9 anni il suo percorso di cambiamento, non riconoscendosi nel corpo maschile. Per lei ha creato una linea di costumi per andare al mare senza sentirsi a disagio con le forme maschili che non sente sue. Ruby è la prima testimonial della linea di costumi.
A cura di Gabriella Mazzeo
21.795 CONDIVISIONI

Jamie Alexander è padre orgoglioso di un'adolescente di 13 anni. Il nome utente del suo profilo Instagram è "rubiesdad". Tutti i contenuti sono in funzione dell'amatissima figlia: per lei, infatti, ha pensato a una linea di bikini per permetterle di andare al mare senza sentirsi a disagio con il suo corpo in transizione. Ruby, infatti, è una ragazzina transgender e all'età di 9 anni ha capito di non riconoscersi nel corpo maschile, iniziando il suo percorso di transizione. Appoggiata dalla sua famiglia in pieno, Ruby vive la sua vita come una normale adolescente, sentendo però su di sé il dovere di farsi portavoce della comunità Transgender.

La ragazzina è infatti la prima testimonial della linea di costumi per ragazzine transgender e ne è anche la prima fruitrice. I costumi sono stati un regalo fatto da suo padre per aiutarla a vivere la sua vita e la sua condizione al meglio, senza sentirsi mai a disagio in spiaggia. Si tratta di costumi le cui fattezze aiutano a nascondere le forme maschili nelle quali le ragazzine in transizione non si riconoscono e che tanto le mettono a disagio in situazioni pubbliche, non sentendole proprie. Sono comodi, pratici e soprattutto non lasciano da parte l'estetica, come un qualunque costume pensato per le ragazze giovani. Un'iniziativa, questa, che da subito ha attirato il favore della comunità LGBT mondiale. Negli Stati Uniti, Ruby è diventata una giovanissima stella della comunità transgender e nei video caricati sul profilo instagram del padre, mostra la sua vita di tutti i giorni, facendo capire quanto la sua quotidianità sia identica a quella di tutte le altre ragazzine della sua età.

Il padre si è mostrato da subito vicino alla figlia e ai suoi bisogni, dandosi da fare per rendere il suo percorso più semplice possibile. Ruby è anche molto controllata però dalla famiglia: la ragazzina infatti non ha un profilo instagram, perché ritenuta "troppo piccola per gestire un suo account personale". Jamie è colui che filtra tutti i contenuti tramite il proprio profilo per mantenere sempre il controllo su cosa succede online alla figlia.

21.795 CONDIVISIONI
Bari, papà in carcere dona rene alla figlia 12enne e le salva la vita: “Bellissimo atto d’amore”
Bari, papà in carcere dona rene alla figlia 12enne e le salva la vita: “Bellissimo atto d’amore”
“Inginocchiati ebreo” e poi sputi e botte. Il padre del 12enne aggredito: “Ho finito le lacrime”
“Inginocchiati ebreo” e poi sputi e botte. Il padre del 12enne aggredito: “Ho finito le lacrime”
Padre e figlio siriani mutilati dalla guerra in Italia per le protesi: "Ora potrò andare a scuola"
Padre e figlio siriani mutilati dalla guerra in Italia per le protesi: "Ora potrò andare a scuola"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni