Un ragazzo 14enne rischia la paralisi dopo essersi tuffato da uno scivolo di un parco acquatico. La situazione del giovane, al momento, sembra in leggero miglioramento, con piccoli segnali di recupero che potrebbero far ben sperare. Per ora, però, è difficile capire se il 14enne riuscirà a recuperare l’uso di braccia e gambe. L’incidente è avvenuto nel parco acquatico Padovaland di Padova, lunedì scorso. Il ragazzo è originario di Campolongo Maggiore, nel veneziano, ed era al parco acquatico con gli amici. Stava provando alcuni scivoli quando ha deciso di salire su uno di questi: si è lanciato ed è finito in acqua a tutta velocità. A quel punto, però, non è più tornato a galla.

I testimoni raccontano di averlo visto che non riusciva più a muovere braccia e gambe. A quel punto sono stati gli amici a prenderlo di peso e portarlo fuori dall’acqua, facendolo sdraiare. Poi è stato portato in ambulanza all’ospedale di Padova, dove è stato operato. Il danno al midollo è grave e ora il giovane è ricoverato in terapia intensiva pediatrica: i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.

L’incidente avvenuto ai danni del 14enne non è il primo in questo parco acquatico. Lo scorso anno, a luglio, un uomo di 40 anni è rimasto ferito a causa di un chiodo sporgente che gli si è conficcato nella pelle: se ne è accorto mentre scendeva su uno scivolo, trovandosi poi il chiodo dentro la carne per almeno tre centimetri e arrivando in fondo allo scivolo con un dolore lancinante e il braccio sanguinante. All’inizio di luglio di quest’anno era successo un episodio di altro genere: una banda di ragazzini minorenni ha frugato nelle borse e negli zaini per rubare, mentre alcune persone hanno denunciato piccoli furti. Poi si è riusciti a risalire alla giovane banda: i furti, comunque, erano di entità minima.