3.629 CONDIVISIONI
9 Agosto 2019
10:47

Omicidio Reggio Emilia, l’identikit del killer che ha accoltellato la barista ed è scappato

Hui Zhou, venticinquenne di origini cinese che da anni gestiva insieme alla madre il bar Moulin Rouge a Reggio Emilia, nel pomeriggio di ieri è stata uccisa a coltellate nel suo locale davanti ad alcuni clienti. Un uomo è entrato, l’ha colpita almeno 7 o 8 volte e poi è scappato. La polizia lo ha identificato: si tratta di un trentaquattrenne senza fissa dimora ancora in fuga.
A cura di Susanna Picone
3.629 CONDIVISIONI

È entrato nel bar con un coltello, pare pronunciando parole confuse, si è avvicinato al bancone dove stava lavorando Hui Zhou, e l’ha colpita svariate volte. La ragazza, una giovane di origini cinese da tutti conosciuta col nome di Stefania o anche Summer, è morta subito, il suo aggressore è scappato. È questo, secondo una prima ricostruzione, quanto accaduto nel pomeriggio di ieri, giovedì 8 agosto, nel bar “Moulin Rouge” di via XX settembre, prima periferia di Reggio Emilia. In quel bar, in quello che sembrava un tranquillo pomeriggio d’agosto con gran parte della città in vacanza, una barista di venticinque anni è stata uccisa in pochi minuti.  La polizia di Reggio Emilia ha identificato il presunto aggressore della giovane barista. Si tratta di un uomo di trentaquattro anni di origine marocchina, senza fissa dimora, che è tuttora in fuga. La questura ha diramato un ordine di cattura in tutta Italia e inoltrato le segnalazioni alle frontiere di confine. Oltre all'uomo, si cerca anche l'arma del delitto. L'ultimo avvistamento del fuggitivo grazie alle immagini di videosorveglianza è nei pressi del liceo Moro, nei pressi della scena del crimine. Ancora da chiarire il movente anche se sembrerebbe esclusa la pista dell'estorsione o della rapina. Al momento l'ipotesi più probabile è quella del movente passionale. Il telefonino della vittima è al vaglio degli investigatori.

Il testimone: "Assassino è entrato nel bar e ha accoltellato la ragazza" – A fornire una prima ricostruzione dei fatti i testimoni che in quel momento si trovavano nel bar gestito da Hui Zhou. Tutto è accaduto intorno alle 18 di giovedì, in quel momento nel bar di Reggio Emilia si trovavano la donna e due clienti. Uno di loro ha raccontato quanto ha visto: “È entrato questo tizio, è andato dietro al bancone, ha detto delle cose a lei e poi ha iniziato a colpirla con un coltello. Sette, otto volte”. Hui Zhou non ha avuto scampo: è caduta a terra in un lago di sangue.

Omicidio barista Reggio Emilia: è caccia all'assassino

Subito dopo il brutale delitto il killer è scappato e ha fatto perdere le sue tracce. Sul caso sta indagando la polizia di Reggio Emilia con la Scientifica. Hui Zhou "Stefania" lavorava al Moulin Rouge da otto anni. Gestiva il bar con sua madre, che dopo il delitto ha avuto un malore ed è stata portata al pronto soccorso. In tutta la città e nei paesi limitrofi è scattata la caccia all'uomo, per provare a individuare e bloccare l'aggressore. Fino a che non si riuscirà a individuare l'uomo sarà molto difficile ricostruire il contesto nel quale l'omicidio è maturato.

3.629 CONDIVISIONI
Femminicidio Reggio Emilia, killer già condannato per violenze. Il Tribunale: "Non siamo veggenti"
Femminicidio Reggio Emilia, killer già condannato per violenze. Il Tribunale: "Non siamo veggenti"
Reggio Emilia, giovane donna trovata morta in un parco: fermato l'ex compagno
Reggio Emilia, giovane donna trovata morta in un parco: fermato l'ex compagno
Femminicidio Reggio Emilia: il killer era stato già condannato per violenze sull'ex compagna
Femminicidio Reggio Emilia: il killer era stato già condannato per violenze sull'ex compagna
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni