Omicidio Chiara Gualzetti a Monteveglio
12 Aprile 2022
16:40

Omicidio Chiara Gualzetti, difesa chiede nuova perizia psichiatrica: processo rinviato al 3 maggio

Si è aperto il processo al 16enne che ha ucciso la coetanea Chiara Gualzetti, picchiata e accoltellata ai piedi dell’abbazia di Monteveglio, in provincia di Bologna, il 27 giugno scorso.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Chiara Gualzetti a Monteveglio

Si è aperto oggi il processo per l'omicidio di Chiara Gualzetti. Non si è arrivati subito a sentenza in quanto la difesa del ragazzo imputato davanti al gup del tribunale per i Minorenni di Bologna ha chiesto il rito abbreviato condizionato a una nuova perizia psichiatrica. Lo ha spiegato l'avvocato della famiglia della vittima, Giovanni Annunziata. Il processo, a porte chiuse, è stato rinviato al 3 maggio quando sarà conferito l'incarico a un perito. Presenti i genitori di Chiara e alcuni amici della ragazza.

Accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione, dai futili motivi e dalla minore età della vittima quello che Chiara considerava un amico. Le indagini della procura bolognese si sono concluse all’inizio di dicembre e il ragazzo aveva ottenuto il rito abbreviato. Secondo gli esiti di una perizia psichiatrica depositata all'inizio di novembre, quando ha ucciso Chiara Gualzetti l’imputato era capace di intendere e di volere. Nessuna “voce” né alcun “demone” lo avrebbe spinto ad accoltellare la coetanea.

L'omicidio di Chiara Gualzetti a Monteveglio

Chiara Gualzetti venne trovata morta il 27 giugno scorso nel bosco dell'abbazia di Monteveglio, poco lontano dall'abitazione in cui viveva con i genitori. Secondo l'accusa, il giorno prima dell'omicidio, il killer diede appuntamento a Chiara per vedersi: la passò a prendere casa e insieme raggiunsero il parco dell'Abbazia. In un video venne documentata quella loro ultima passeggiata. Poi il ragazzo, come ricostruito nel corso delle indagini, l'ha colpita e ferita a morte con un coltello e l'ha aggredita con calci e pugni. Il corpo ormai senza vita della vittima venne trovato il giorno dopo e in poco tempo le indagini portarono a individuare il coetaneo che nella sua confessione raccontò che “era stato un demone a dirgli di uccidere”. "Ci vuole una pena esemplare – aveva detto il papà di Chiara ai microfoni di Fanpage.it – lui non merita sconti o permessi, deve avere il massimo della pena. La vita di mia figlia non può valere 10 anni di carcere".

30 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni