769 CONDIVISIONI
29 Ottobre 2021
16:18

Omicidio Alessio Madeddu, l’assassino dello chef incastrato dall’auto: Ha disseminato sangue ovunque

La macchina dell’assassino dello chef Alessio Madeddu aveva danni compatibili con la scena del crimine, lo haspiegato a Fanpage.it il Tenente colonnello Michele Mario Tamponi Comandante del Reparto Operativo dei carabinieri di Cagliari. “La scena del crimine era molto complessa, c’era sangue dappertutto e quindi sembrava ci fossero state molte più persone invece era l’assassino che scappava e seminava sangue ovunque” ha spiegato l’ufficiale.
A cura di Antonio Palma
769 CONDIVISIONI

Incastrato dalla sua auto con la quale era arrivato sul luogo del delitto e con la  quale ha disseminato sangue ovunque per scappare dopo l'omicidio di Alessio Madeddu. Così è stato incastrato dai carabinieri il 43enne Angelo Brancasi, reo confesso dell'omicidio dello chef di “4 ristoranti”, trovato morto ieri davanti al suo locale, Sabor'e Mari, in località Porto Budello a Teulada, sulla costa sud occidentale della Sardegna. Lo ha spiegato a Fanpage.it il Tenente colonnello Michele Mario Tamponi Comandante del Reparto Operativo dei carabinieri di Cagliari che ha condotto le indagini sulla morte dello chef. Un omicidio di impeto, secondo gli inquirenti, anche se efferato, con un chiaro movente passionale.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il panettiere di Sant’Anna Arresi era arrivato al locale con annessa casa di Alessio Madeddu per avere spiegazioni su un rapporto extraconiugale che la vittima intratteneva con la moglie dell'omicida. Le cose però sarebbero degenerate fino all'aggressione e all'omicidio.  Nessuna spedizione punitiva, dunque, come pure inizialmente gli stessi inquirenti sospettavano a causa di una scena del crimine orribile con sangue sparso ovunque, dalla casa fino all'esterno e sulla stradina che conduce alla zona. "La scena del crimine era molto complessa, c'era sangue dappertutto e quindi sembrava ci fossero state molte più persone invece era l'assassino che scappava e seminava sangue ovunque" ha spiegato il colonnello Tamponi.

Vista la scena del crimine sono stati allertati anche i Ris ma poi gli accertamenti investigativi hanno portato a rivalutare la situazione fino all'arresto del 43enne. "Avevamo dei sospetti su questa persona perché dalle indagini è saltata fuori una relazione tra la vittima e la moglie dell'omicida e che quindi ci potesse essere un marito arrabbiato, così abbiamo fatto degli accertamenti e abbiamo trovato la macchina dell'uomo con danni compatibili con la scena del crimine" ha rivelato ancora  il Tenente colonnello Tamponi., aggiungendo: "Lo abbiamo stretto e interrogato e alla fine ha confessato e ci ha raccontato tutto per filo e per segno con dovizia di particolari". Per gli inquirenti inizialmente l'omicida era arrivato lì per chiedere alla vittima di lasciare stare la moglie ma poi la situazione è degenerata e si è arrivati a quel "momento di rabbia irrefrenabile" che ha portato all'omicidio con un fendente al petto.

769 CONDIVISIONI
Omicidio di Fausto Iob, tracce di sangue nell'auto del boscaiolo arrestato:
Omicidio di Fausto Iob, tracce di sangue nell'auto del boscaiolo arrestato: "Sorpreso a rubare legname"
Uccide la moglie a Venaria, dopo l'omicidio ha provato a togliere il sangue dalle pareti di casa
Uccide la moglie a Venaria, dopo l'omicidio ha provato a togliere il sangue dalle pareti di casa
Omicidio Chiara Gualzetti, chiesta la condanna a 16 anni e 6 mesi per l'assassino reo confesso
Omicidio Chiara Gualzetti, chiesta la condanna a 16 anni e 6 mesi per l'assassino reo confesso
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni